Natura

Il respiro della Terra catturato dai satelliti

L'alternanza di colori, di cicli e di stagioni in un Pianeta vivo: le ipnotiche animazioni ricavate da 20 anni di immagini satellitari.

Dalla nostra limitata prospettiva è difficile avere uno sguardo di insieme sui processi vitali del "Pianeta blu". Questo non vale per i satelliti orbitali e geostazionari: negli ultimi 20 anni una flotta di strumenti ad alta quota della Nasa e di altre agenzie spaziali ha scrutato la Terra per studiare lo stato di salute di acque e vegetazione, catturandone i "cambi d'abito" al variare delle stagioni.

L'autore del quadro. Il Sea-viewing Wide Field-of-view Sensor (SeaWiFS, della Nasa), lanciato nel 1997 e attivo fino al 2010, ha studiato il nostro pianeta da 700 km di quota per 13 anni. Suo obiettivo principale era raccogliere dati sulle proprietà bio-ottiche delle masse terrestri e degli oceani.

Insieme ai satelliti del programma Landsat (Nasa), ha monitorato la salute di foreste, raccolti, riserve ittiche. Per i ricercatori, una miniera di dati inestimabile; per tutti gli altri, la prova di come il nostro sia un pianeta che respira, animato da un complesso ciclo vitale.

Questa spettacolare animazione (clicca per attivarla) è stata ricavata dai dati di SeaWiFS e dei satelliti della NASA Terra, Aqua e Suomi National Polar-orbiting Partnership. © Nasa

In divenire. Nell'animazione qui sopra, il respiro della Terra è più che mai visibile: il bianco del ghiaccio che avanza e si ritira, il viola delle fioriture di fitoplancton, il verde della vegetazione terrestre e delle alghe variano in base ai ritmi stagionali.

Le fioriture di fitoplancton nel Pacifico est equatoriale nel 1997, durante il passaggio tra El Niño e La Niña. Clicca per avviare l'animazione. © SeaWiFS/Nasa

«Questa è la Terra, che respira ogni singolo giorno, cambia con le stagioni, in base al Sole, al variare del vento, delle correnti oceaniche e delle temperature», spiega Gene Carl Feldman, oceanografo del NASA Goddard Space Flight Centre.

Strumento "diagnostico". Al di là dell'impatto emotivo, queste tecnologie sono estremamente utili dal punto di vista scientifico: ogni piccola variazione nelle lunghezze d'onda restituite può indicare cambiamenti nella chimica di acque e vegetazione, segnalando se la fotosintesi sta avvenendo correttamente o se un raccolto è particolarmente sofferente.

20 novembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us