Natura

Il morso fatale della pianta carnivora

Le foglie della Venere acchiappa-mosche sono simili a delle "fauci" capaci di addentare un insetto in un decimo di secondo. Ma qual è il segreto di questa trappola naturale.

Il morso fatale della pianta carnivora
Le foglie della Venere acchiappa-mosche sono simili a delle "fauci" capaci di addentare un insetto in un decimo di secondo. Ma qual è il segreto di questa trappola naturale.

La Dionaea muscipula è originaria delle regioni centrosettentrionali degli Stati Uniti. Il suo nutrimento sono le ignare mosche che si posano sulle sue foglie.Foto: © Yoel Forterre/Harvard Univ.
La Dionaea muscipula è originaria delle regioni centrosettentrionali degli Stati Uniti. Il suo nutrimento sono le ignare mosche che si posano sulle sue foglie.
Foto: © Yoel Forterre/Harvard Univ.

È chiamata Venere acchiappa-mosche (Dionaea muscipula) ma in realtà ha ben poco di romantico. Quando un piccolo insetto si posa sulle sue foglie queste lo intrappolano in un batter d'occhio. Anzi meno. E non è solo un modo di dire, il tempo che ci mettiamo noi a fare qualsiasi movimento, anche solo sbattere le palpebre, è superiore al decimo di secondo che ci mette questa pianta carnivora a “mordere” una mosca.
In un sol boccone. Da anni gli studiosi cercano di scoprire i segreti di questo infallibile sistema accalappia-insetti. Recentemente all'università di Harvard alcuni scienziati guidati da Lakshminarayanan Mahadevan, riprendendo con una telecamera ad alta velocità la chiusura delle foglie di questa pianta, hanno osservato per la prima volta come fanno le foglie a trasformarsi tanto bruscamente in “fauci”. Quando un piccolo insetto sfiora la sua superficie, all'interno della pianta il liquido organico di cui è composta, si muove e cambia la forma delle foglie, creando un curioso “effetto elastico”. Ciascuna foglia, infatti, nella fase di “attesa” è come distesa all'indietro, piegata fino a un punto di massima tensione. Lo spostamento dell'acqua cambia questo precario equilibrio e fa tornare la foglia nella posizione originaria spingendo con tutta la forza accumulata ed ecco intrappolato lo sfortunato insetto.
Una lunga digestione. Una volta terminato questo semplice ma efficace processo, la pianta ha bisogno di otto ore di tempo, perché le sue foglie cambino nuovamente forma e siano di nuovo in grado di “azzannare” un'altra preda.
Benché non sia stato ancora scoperto che cosa, a livello cellulare, fa muovere il liquido della pianta, gli scienziati hanno descritto il processo con un'equazione, capace di tradurre in termini numerici l'azione meccanica.
La scoperta potrebbe essere sfruttata anche nel campo dell'ingegneria biomimetica, per creare dei piccoli dispositivi artificiali capaci di controllare il flusso di minuscole quantità di liquido o di gas.

(Notizia aggiornata al 2 febbraio 2005)

2 febbraio 2005
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us