Natura

Il fattore umano nelle valanghe

Uno studio mette in luce il ruolo di sciatori ed escursionisti nel provocare le slavine: ecco quali situazioni inducono a comportamenti più a rischio.

Le previsioni sull'incidenza di valanghe sono accurate nell'80% dei casi, ma in 9 casi su 10 chi finisce vittima di slavine ha anche contribuito a crearle, con il proprio comportamento. Quali sono le situazioni in cui ci si mette in pericolo più facilmente?

Jordy Hendrikx e Jerry Johnson (Montana State University) hanno intervistato e tracciato nei loro percorsi montani oltre 800 persone, tra sciatori ed escursionisti. Lo studio, chiamato Tracks Project, è iniziato nel 2013 ed è stato condotto attraverso un'app su cellulare.

Alcune conclusioni sono intuitive: anziani e bambini tendono a prendere decisioni più conservative, mentre chi si è già posto un certo obiettivo e i gruppi di ragazzi maschi rischiano più spesso di lanciarsi in iniziative avventate.

meglio soli... Altre evidenze sono più inaspettate. Per esempio chi scia o cammina da solo (un comportamento spesso considerato più a rischio) è in genere anche più cauto; nei grandi gruppi invece, forse per il bisogno di non sfigurare, forse per la tendenza a seguire chi si proclama "esperto", si tende a osare, e sbagliare, più facilmente.

Gli sciatori abbassano la guardia più spesso sulle piste che conoscono bene, o quando fanno a gara per lasciare le prime tracce nella neve fresca. Chi invece studia la strada in anticipo e si affida alle previsioni sulle valanghe, in genere riesce a cambiare piano in tempo per non mettersi nei guai.

Nota positiva. In ogni caso, concludono i ricercatori, il 99% di chi si avventura in montagna si comporta in modo adeguato, rispetto al rischio slavina. La speranza è che i risultati dell'indagine aiutino anche il rimanente 1%.

6 gennaio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us