Natura

Il concerto assordante nella Fossa delle Marianne

Non si può avere un po' di silenzio nemmeno nelle profondità degli abissi: una cacofonia di suoni di provenienza umana e naturale registrata a 11 km di profondità.

Si potrebbe pensare alla più profonda depressione oceanica terrestre come a un'isola di pace e di suoni ovattati. Era quello che si aspettavano gli oceanografi del Noaa (National Oceanic and Atmospheric Administration), della Oregon State University e della Guardia Costiera americana, che per tre settimane hanno registrato, con un microfono sottomarino, i suoni nel Challenger Deep, il punto più profondo della Fossa, a 10,9 km sotto il livello del mare.

Sinfonia sottomarina. Invece di un mare di silenzio, i ricercatori hanno trovato ad aspettarli un baccano costante e composito, dominato dal rumore di terremoti vicini e lontani, dai canti delle balene e dall'eco di un tifone forza 4 passato nelle vicinanze. L'idrofono ha anche registrato molti rumori di origine antropica, come quelli del passaggio delle navi nello snodo caotico di Guam, non lontano dalla Fossa, dove transitano i container di Cina e Filippine.

L'idrofono utilizzato per le registrazioni. © Oregon State University, Flickr

Sotto pressione. Scopo del progetto era stabilire un "livello base" da usare come punto di riferimento standard nello studio dell'inquinamento acustico in mare. L'impresa più difficile è stata calare l'idrofono a una profondità che non verrebbe riempita del tutto nemmeno calando l'intero monte Everest nella depressione. Il microfono, incapsulato in una corazza di titanio, ha dovuto sopportare pressioni fino a 1.100 bar (oltre mille volte quella che sopportiamo normalmente).

Un insolito punto d'ascolto. Uno dei dati più interessanti è stato quello relativo al terremoto di magnitudo 5.0 registrato nella vicina crosta oceanica, a 10 km di profondità. «Poiché il nostro idrofono si trovava a 11 km, eravamo letteralmente sotto al terremoto - spiega Robert Dziak, ricercatore del Noaa - un'esperienza decisamente inusuale».

Vedi anche

4 marzo 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 29,90€
Follow us