Natura

Il computer verde... grano

Fare colazione, usare il pc e rispettare l'ambiente hanno un'importante punto in comune: l'Africa. Buon appetito. (Riccardo Meggiato, 16 maggio 2008)

C'è chi sostiene che il nostro sarà un futuro (molto prossimo) pieno zeppo di rifiuti da smaltire. Ma non si deve pensare solo a bottiglie, sacchetti maleodoranti e scarpe vecchie. Anche i pc, i vecchi computer che gettiamo via quando ne acquistiamo uno nuovo, sono un problema con la "P" maiuscola. Il motivo è semplice: molti dei materiali di cui sono composti, in buona parte derivati del petrolio, non sono riciclabili. Ed è questo il motivo per cui giacciono, in attesa di magiche soluzioni, nella più grande discarica a cielo aperto dell'Occidente industrializzato. L'Africa. Con buona pace di... tutti, ammettiamolo, senza nasconderci dietro polemiche faziose.

CHE FARE?
Qualche speranza arriva dalla ricerca su nuovi materiali in quella corsa apprezzabile delle grandi aziende alla "social responsibility", la ritrovata sensibilità ai problemi sociali e territoriali (anche quando il territorio è "il mondo") che non è sempre e soltanto marketing. In questo caso, all'avanguardia nella ricerca troviamo Fujitsu, che ha realizzato il computer fatto di... grano! Non si tratta di gustosi cereali da prima colazione, ma di polimeri derivati dall'olio di grano: materiali cioè perfettamente e completamente biodegradabili. Come del resto alcuni derivati di legumi e amidi, anch'essi allo studio nei laboratori Fujitsu. Richard McCormack, vicepresidente della multinazionale giapponese, si è detto certo che entro i prossimi tre anni potremmo avere computer senza alcuna traccia di derivati del petrolio. In altri termini, riciclabili e biodegradabili al 100%. C'è ancora del lavoro da fare, soprattutto per abbassare il prezzo di materiali come questi polimeri, che di per sé sarebbero anche economici... se fossero "interessanti" per l'industria globale. Ci si arriverà (spero), ma dobbiamo comunque aspettarci di spendere di più: un po' per la ricerca, un po' per non dover camminare su tappeti di processori e parquet di dischi fissi, un po' per chiudere (e ripulire) quella nostra discarica lontana, l'Africa.

16 maggio 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us