Natura

Le vespe si riconoscono guardandosi in faccia: un'evoluzione rapidissima

La straordinaria capacità di alcune vespe di identificare propri simili guardandoli in faccia è maturata rapidamente, in poche migliaia di anni.

Le vespe cartaie americane (Polistes fuscatus) riescono a riconoscersi guardandosi in faccia. Un'abilità abbastanza diffusa fra i vertebrati, ma molto rara negli insetti. Una capacità cognitiva che è emersa in tempi (relativamente) brevi: poche migliaia di anni.
 
I ricercatori della Cornell University hanno voluto indagare più a fondo e capire come e perché questa straordinaria abilità si sia sviluppata. Hanno quindi confrontato il genoma delle Polistes fuscatus con quello di due specie di vespe simili alla ricerca di selezione positiva. In altre parole, hanno cercato un pezzo di DNA presente solo nelle Polistes fuscatus, lungo e con poche variazioni. Una stringa di DNA molto simile in tutti gli individui della stessa specie è la traccia di un cambiamento rapido e recente, e solo mutazioni che danno un grande beneficio alla specie possono diffondersi così in fretta.
 
La vespa cartaia americana.
La vespa cartaia americana. © Cornell University

Beata intelligenza. E, in effetti, i ricercatori hanno trovato un segmento di DNA con queste caratteristiche che riguarda la visione, l'apprendimento e la memoria. Questa è la prova che l'incremento di intelligenza ha portato un grande vantaggio evolutivo. Secondo i ricercatori, il vantaggio sta nell'evitare che le regine dello stesso sciame combattano fra loro più volte. Un meccanismo sociale di cui avevamo già parlato qui.

Evoluzione preferenziale? «La conclusione più sorprendente», ha commentato Michael Sheeha, coinvolto nella ricerca, «è che la recente selezione naturale di queste vespe non ha compiuto adattamenti al cambiamento climatico o alla ricerca di cibo, bensì ha migliorato il modo in cui interagiscono le une con le altre. Questo è molto profondo».

5 febbraio 2020 Davide Lizzani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us