Natura

Le prossime spie dei militari? Le piante

In futuro, le loro proprietà di percezione e adattamento potranno essere sfruttate per garantire la sicurezza dei militari. Riuscireste a immaginare spie più insospettabili?

Alle idee bizzarre della DARPA, l'agenzia che per il Dipartimento della Difesa americana si occupa dello sviluppo di tecnologie militari, ci siamo ormai abituati: ma dopo il ghepardo robot, gli umanoidi soldato e gli elicotteri con le zampe, avreste mai pensato ad agenti segreti con le foglie?

super poteri. L'ultima trovata dell'organizzazione è sfruttare la naturale abilità delle piante di percepire i cambiamenti di suolo, terra e acqua, per usarle come rete di monitoraggio di ogni possibile problema ambientale.

Del progetto, ribattezzato Advanced Plant Technologies (APT) si sa ancora molto poco: l'idea di base è riprogrammare specie vegetali attraverso la bioingegneria, per trasformarle nel primo cancello di allarme in caso di contaminazioni chimiche e radioattive, segnali elettromagnetici anomali, mine antiuomo, fughe di batteri pericolosi e altre minacce alla umana sicurezza.

Messaggi in codice. Alterando il genoma delle piante, si potrebbe fare in modo che per ogni minaccia venga emesso un segnale specifico captabile da satellite o altri sistemi di monitoraggio remoto. Attualmente, sulla Terra e dallo Spazio siamo in grado di sorvegliare temperatura, colore, velocità di crescita, composizione e reazione alla luce delle aree verdi: alcune di queste risposte potrebbero essere sfruttate come segnali di allarme.

Efficienti e discrete. Interventi tempestivi metterebbero in sicurezza il personale umano impegnato in una data area; la nuova, futuristica rete di sensori sarebbe inoltre più economica di altre tecnologie militari. Il vantaggio delle piante è infatti quello di essere autosostenibili: in altre parole, alla manutenzione delle sentinelle, penserebbero le sentinelle stesse (che non darebbero nell'occhio). Tutto questo, a patto di non risucchiare, con le nostre richieste, ogni loro risorsa - incluse quelle deputate a nutrimento e fotosintesi.

Il progetto APT è ora aperto al contributo di qualunque scienziato, anche se per vederlo in atto ci vorranno ancora diversi anni.

25 novembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us