Natura

I primi 100 anni del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

Il Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise compie il suo primo secolo di vita. L'11 gennaio 1923, la riserva di caccia del re d'Italia diventa uno dei luoghi più belli del nostro Paese. Siamo andati a visitarlo e lo raccontiamo in podcast.

Cento anni fa, nel cuore dell'Appennino, quella che era stata una riserva di caccia del Re d'Italia si trasforma in uno dei luoghi più belli del nostro Paese. Paesaggi mozzafiato, animali straordinari e immense foreste che si distendono sui pendii delle montagne come una coperta che custodisce la fragile vita animale che vi ha trovato rifugio.

Siamo andati a visitare il Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, istituito con regio decreto-legge l'11 gennaio 1923, e abbiamo ascoltato le voci di chi se ne prende cura ogni giorno. I loro racconti in una docuserie in tre puntate di Storia in Podcast, l'audioteca di Focus.

GLI ABITANTI DEL PARCO. Il territorio del Parco, cuore naturale dell'Appennino, è ricoperto quasi per il 60% da foreste di faggio, affiancate da cerri, aceri, tassi e rare formazioni di betulle e pini neri. La fauna è la più ricca dell'Europa occidentale: 67 specie di mammiferi, 230 di  uccelli, 14 di rettili, 12 di anfibi, 15 di pesci, e 4.764 specie di insetti sono ospiti del parco.

L'animale simbolo del parco è l'orso bruno marsicano (Ursus arctos marsicanus) che secondo i più recenti rilevamenti conta una cinquantina di esemplari. Ma non è sempre facile però avvistare gli animali, soprattutto i grandi mammiferi, che preferiscono tenersi alla larga dalla presenza umana. In alcuni periodi dell'anno è più facile che facciano capolino, oltre all'orso marsicano, il camoscio appennico, il lupo, il cervo e l'aquila reale.

11 gennaio 2023 Anita Rubini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us