Natura

I pini che tendono sempre verso l'equatore

Risolto almeno in parte l'enigma sulla misteriosa abitudine del pino colonna - la "Torre di Pisa" delle conifere - di inclinarsi da un lato.

Il pino colonna (Araucaria columnaris), una conifera dalla forma slanciata endemica della Nuova Caledonia, ma ora diffusa, grazie alla coltivazione, in tutto il mondo, è noto per una curiosa qualità: il tronco più o meno marcatamente inclinato da un lato.

Ora un gruppo di botanici ha individuato un motivo ricorrente in questa inclinazione: i pini tendono verso sud quando si trovano nell'emisfero nord, e verso nord se "abitano" in quello sud.

Il dettaglio è balzato casualmente all'occhio di Matt Ritter, scienziato della California Polytechnic State University di San Luis Obispo, mentre lavorava a un libro sulla vegetazione urbana. I pini colonna che conosceva, puntavano tutti verso sud.

Le Torri di Pisa delle conifere. © Shutterstock

Colti sul fatto. Ritter ha contattato una collega che lavorava in Australia per capire come andassero le cose nell'emisfero meridionale, e ha così scoperto che, dall'altra parte del pianeta, i pini colonna tendono a nord.

Era la prova che queste piante si rivolgono verso l'equatore: per avvalorarla con dati scientifici, Ritter ha studiato 256 pini colonna disseminati in 5 continenti, raccogliendo informazioni in 18 località tra i 7 e i 35 gradi nord di latitudine, e in 12 disseminate tra i 12 e i 42 gradi sud.

In media, gli alberi risultavano inclinati di 8,55 gradi, il doppio della Torre di Pisa. Non solo: maggiore è la distanza dall'equatore, più le piante appaiono inclinate. Un pino colonna dell'Australia meridionale aveva raggiunto un'inclinazione di 40 gradi!

Le cause. La singolare caratteristica potrebbe dipendere dall'incapacità genetica di queste piante di correggere il tiro quando crescono storte, e insieme dalla necessità di massimizzare la luce ricevuta. Molti fiori crescono in una direzione preferenziale, più strano è osservare un albero che fa altrettanto.

5 giugno 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us