Natura

I baobab: giganteschi e millenari, ma stanno morendo

In una decina di anni sono morti molti esemplari di baobab, pianta simbolo dell'Africa: ancora da spiegare le cause.

Un altro dei tanti misteri africani: da una decina di anni a questa parte stanno morendo alcuni dei più grandi e vecchi alberi del continente, i baobab (Adansonia). Scompaiono piante che hanno tra i 1.100 e i 2.500 anni: in particolare, «nove dei tredici più vecchi baobab del continente sono crollati sotto il loro peso e sono morti negli ultimi 10 anni: è sconvolgente pensare che durante la nostra vita sono scomparsi contemporaneamente così tanti alberi di età millenaria», commenta Adrian Patrut (università di Babes-Bolyai, Romania) in uno studio pubblicato su Nature Plants (sommario, in inglese).

Tra questi, il più vecchio (nello Zimbabwe) aveva circa 2.500 anni e il più grande, un gigante di nome Holboom (in Namibia), alto 30 metri con una circonferenza di 35.

alberi, Africa, baobab, Adansonia, piante, biodiversità, botanica, longevità
All'interno di questi giganti si organizzano attività commerciali e trovano rifugio dal caldo uomini e animali.

Perché succede? La causa diretta della morte degli alberi non è chiara, ma i ricercatori sospettano che possa essere almeno in parte associata alle significative variazioni delle condizioni climatiche che interessano l'Africa australe - «sono tuttavia necessarie ulteriori ricerche per sostenere o smentire questa supposizione», sottolinea Patrut.

Tra il 2005 e il 2017 i ricercatori hanno censito e datato praticamente tutti i grandi baobab africani noti - circa 60 esemplari, distribuiti tra Zimbabwe, Namibia, Sudafrica, Botswana e Zambia. Hanno raccolto dati sulla circonferenza, l'altezza, il volume del legno e l'età, registrando che molti degli alberi più grandi e antichi sono morti proprio durante il periodo di studio.

alberi, Africa, baobab, Adansonia, piante, biodiversità, botanica, longevità
La forma di queste piante ha dato origine a curiose leggende sulla loro origine.

Rifugio millenario. Il baobab è una pianta dall'aspetto strano, con rami simili a radici nodose che si protendono verso il cielo, tant'è che alcune leggende africane raccontano che siano cadute dal cielo, perché "hanno radici sono rivolte verso l'alto e la chioma sotto terra".

La sacralità è legata anche alla longevità: vivono infatti molte centinaia di anni, forse addirittura fino a 3.000 anni, come si afferma sulle pagine del Kruger National Park, in Sudafrica.

Molti esemplari hanno l'interno del tronco scavato: nello Zimbabwe ce n'è uno così grande che all'interno può contenere 40 persone, e si racconta che alcuni siano stati usati come negozi, prigioni, case, depositi... Sono anche un rifugio dal caldo per molti animali.

alberi, Africa, baobab, Adansonia, piante, biodiversità, botanica, longevità
Baobab: una presenza imponente.

Le loro foglie possono essere bollite e mangiate, o usate nella medicina tradizionale, mentre dalla corteccia si ricavano corde, ceste, vestiti. Sono noti per essere estremamente resistenti: possono essere privati della corteccia o avvolti dalle fiamme di un incendio senza risentirne più di tanto. Tutto ciò rende ancora più sorprendente e in attesa di una spiegazione la morte dei baobab.

13 giugno 2018 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita, privata e politica, di Winston Churchill, il grande statista inglese che ha salvato il mondo dalla follia di Hitler. Il segreto della sua forza, le – non poche – debolezze, l'infanzia e i talenti dell'inquilino più famoso di Downing Street. E ancora: come nel 1021 il vichingo Leif Eriksson “scoprì” l'America; nella Vienna di Klimt; tutti gli inquilini del Quirinale; Tangentopoli e la fine della Prima Repubblica.

ABBONATI A 29,90€

Il lockdown e la rivoluzione digitale stanno cambiando il nostro modo di curarci. Ecco come gestire al meglio televisite e bit-terapie. Inoltre, gli impianti nucleari di nuova generazione; la prima missione del programma Artemis che ci riporterà sulla Luna; i vaccini e le infinite varianti del Coronavirus

ABBONATI A 31,90€
Follow us