Gli uragani? Stanno tutti in una bolla di sapone

bollesapone1_96k
Bolle di sapone |

Non chiamatele "giochi da bambini"! Le bolle di sapone hanno sì una vita effimera, ma stanno svelando i segreti degli uragani. (Elisabetta Intini, 23 aprile 2008)

Che cosa hanno in comune un ciclone tropicale e una bolla di sapone? Niente? Be', gli scienziati - che hanno la vista lunga - hanno scoperto che in realtà i vortici che si formano sulla superficie delle bolle hanno un comportamento simile a quello dei vortici degli uragani. Un gruppo di ricercatori del Centro di fisica molecolare ottica ed hertziana delle Università di Bordeaux e di Reunion crea in laboratorio bolle di sapone (non molto differenti da quelle "classiche"), che per le caratteristiche fisiche e strutturali - come la superficie molto sottile in relazione al diametro - possono rappresentare un modello della nostra atmosfera. Riscaldando l'equatore della bolla e raffreddandone i poli, sulla pellicola si creano vortici dai movimenti a prima vista casuali, che però, spiegano gli scienziati, sono descritti da una legge fisica (la superdiffusione). Dal confronto delle traiettorie di molti "celebri" uragani (tra i quali il famigerato Ivan) e dei vortici sulle bolle sono emerse somiglianze tali che, grazie al nuovo modello fisico, gli esperti hanno adesso fiducia di potere capire meglio come si sviluppa il moto di una delle più pericolose e spaventose forze della natura.

 

23 aprile 2008