Natura

Giornata Mondiale dell'Ambiente: diamo un taglio agli sprechi di cibo

La parola d'ordine di quest'anno è: conservare. Ma anche riflettere prima di acquistare alimenti che non consumeremo. Perché buttare cibo in spazzatura significa prosciugare e inquinare la Terra inutilmente.

"Pensa. Mangia. Conserva" è il motto del World Environment Day, la Giornata Mondiale per l'Ambiente indetta dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite per il 5 giugno di ogni anno. L'imperativo del 2013 sarà, per ciascuno, ridurre lo spreco alimentare: la "foodprint", il nostro personale contributo allo sperpero di cibo cui si assiste continuamente.

Secondo la FAO, ogni anno nel mondo vengono gettate 1,3 miliardi di tonnellate di cibo. Soltanto le nazioni ricche ne sciupano 222 milioni di tonnellate, quasi l'equivalente della produzione alimentare totale dell'Africa Subsahariana. Intanto, una persona su 7 nel mondo va a dormire affamata ogni sera e 20 mila bambini sotto i 5 anni di età muoiono di fame ogni giorno.

I paesi industrializzati e in via di sviluppo dissipano più o meno la stessa quantità di cibo, rispettivamente 670 e 630 milioni di tonnellate. Ma è lo spreco pro capite a fare la differenza: i consumatori di Europa e Nord America buttano nella spazzatura dai 95 ai 115 chili di cibo ciascuno, mentre nell'Africa Subsahariana e nel sudest asiatico vanno gettati solo 6-11 chili di cibo all'anno. A provocare gli sprechi, nelle aree più povere del mondo, sono i problemi nella catena di produzione e distribuzione del cibo, dettati da bassa tecnologia, infrastrutture carenti e assenza di investimenti.

In quale paese si spende di più per il cibo?

Un terzo della produzione globale di cibo va sprecato o perduto, e questo dato con l'ambiente c'entra, eccome. Perché gettare via il cibo significa aver prodotto emissioni e consumato preziose risorse naturali a vuoto, mentre la Terra racimola le ultime energie per provare a sfamare i suoi 7 miliardi (per ora) di abitanti. La produzione alimentare occupa il 25% della terra abitabile ed è responsabile dell'80% della deforestazione, del 30% delle emissioni di gas serra e del 70% dei consumi d'acqua. Per produrre un litro di latte, per esempio, ne occorrono mille di acqua: se ci dimentichiamo del cartone nel frigo, avremo usato invano anche quella.

Afa e sprechi di cibo: 10 consigli per non far marcire frutta e verdura
Leggi anche: come contenere la spesa in tempi di crisi

Per ridurre la nostra impronta alimentare occorre scegliere prodotti dal minore impatto ambientale (alimenti organici, di stagione e a km zero) ma anche acquistare solamente i cibi che siamo sicuri di consumare, magari facendo la spesa più spesso e in modo "mirato".

Che cosa mangeremo nel 2050? Sfoglia il nostro menu

4 giugno 2013 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us