Natura

Fino a che temperatura può esserci la vita?

Un recente studio francese abbassa da 60° a 50°C la temperatura massima alla quale può prosperare la vita negli organismi eucarioti. Ma alcuni batteri possono sopravvivere a più di 120°C.

Quali sono le condizioni più estreme alle quale può sopravvivere un organismo eucariote - cioè con cellule dotate di nucleo -, per esempio un animale? Un team di ricercatori dell’ateneo francese Pierre e Marie Curie ha recentemente condotto uno studio sull’Alvinella Pompejana, un verme marino di piccole dimensioni che colonizza i camini neri delle sorgenti idrotermali sottomarine.

Caldo... ma non troppo.
Fino ad oggi i ricercatori hanno ritenuto questo invetrebrato capace di sopravvivere senza danni a temperature anche di 60°, ma in realtà non è così. Bruce Shilito e i suoi colleghi hanno raccolto alcuni esemplari di Alvinella utilizzando una speciale tecnica che ha consentito loro di mantenere i campioni alla stessa pressione del luogo di origine. Li hanno poi esposti per lunghi periordi a temperature comprese tra i 50 e 55°, scoprendo che erano già sufficienti a provocare danni irreparabili ai tessuti. Sembra quindi che questi animali, pur avendo bisogno di temperature ben superiori ai 42°C per sopravvivere, non possano resitere oltre i 50°. Questa temperatura sembra quindi essere la massima consentita per la proliferazione della vita in organismi complessi.

Il più caliente. L’Alvinella Pompejana non è comunque il più estremofilo dei viventi: il record di sopportazione spetta infatti a un archeobatterio isolato in una sorgente idrotermale del Pacifico, il ceppo 121, le cui cellule riescono ancora a raddoppiare e crescere a una temperatura di 121°C.

Ti potrebbero interessare
I più brutti visti al microscopio
I più strani dei sette mari

31 maggio 2013 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us