Focus

Chi ha tracciato le linee di Nazca?

Le linee di Nazca sono disegni scoperti nella pampa nei pressi di Nazca (Perù) nel 1939. Si tratta di linee di diversa profondità e larghezza che formano disegni geometrici o rappresentano...

20028112203_5
|

Le linee di Nazca sono disegni scoperti nella pampa nei pressi di Nazca (Perù) nel 1939. Si tratta di linee di diversa profondità e larghezza che formano disegni geometrici o rappresentano animali.
Sono visibili solo da un’altitudine di circa 400 metri e per questo sono state a lungo sconosciute: la loro grandezza le rendeva infatti irriconoscibili dal terreno. Quando dagli aeroplani furono avvistati i disegni più grandi, questi furono dapprima scambiati per i resti di un’antica rete di irrigazione. Fu Paul Kosok, della Long Island University (Usa), a scoprire un disegno a forma di uccello e a catalogare da quel momento le diverse figure.
Il libro di astronomia più grande del mondo. La specialista in matematica e in geografia Maria Reiche, che dedicò più di 20 anni a investigare sulle linee, ha datato i disegni al periodo classico della cultura Nazca (500-800 d.C.), anche se la loro quantità ed estensione fanno pensare che il lavoro si sia protratto per secoli. Esistono diverse interpretazioni sul significato delle linee. La più accreditata è che si tratti, come è stato detto, del “libro di astronomia più grande del mondo”, usato per i riti collegati a un antico calendario.

 

28 giugno 2002