Che cosa succede, per davvero, dentro alla Terra?

moti2

Un nuovo esperimento, il primo nel quale sono state simulate contemporaneamente sia le condizioni di pressione sia quelle di temperatura del mantello profondo (da 650 a 2.800 km di profondità), ha dato risultati inattesi. In particolare per quanto riguarda il comportamento del ferro e dei suoi elettroni che, a 940.000 atmosfere e 1.700 °C, non hanno "ubbidito" a quanto sancito dai modelli finora in uso, suggerendo - in particolare - la necessità di una nuova divisione a zone del mantello stesso. Un risultato che modificherà non solo la nostra visione dell'interno del pianeta, ma anche i modelli previsionali per terremoti ed eruzioni vulcaniche, fenomeni influenzati dai moti del magma nel mantello. Questo filone di ricerca, reso possibile da nuove apparecchiature laser e spettroscopiche, è appena agli inizi e, afferma Viktor Struzkin, della Carnegie Institution’s Geophysical Laboratory, «sappiamo che ci riserverà molte sorprese». (Foto: uno "spicchio" di Terra secondo il modello tradizionale, che ritiene omogena l'intera zona del mantello. Nuovi dati mettono in dubbio questa rappresentazione.)

21 Settembre 2007