Natura

Cavalli e bisonti salveranno il permafrost

Grandi mandrie di animali potrebbero compattare la neve isolando i gas serra intrappolati nel permafrost.

Un gruppo di scienziati russi, tedeschi e svedesi ha testato un metodo originale per contrastare lo scioglimento del permafrost, lo strato di suolo perennemente congelato presente in Siberia, nel nord Europa e in America settentrionale. L'idea è questa: farvi camminare mandrie di bisonti, renne e cavalli per compattare lo strato di neve superficiale, riducendone così l'effetto di isolante termico in inverno. Il loro peso, infatti, renderebbe più compatto e freddo il permafrost, evitando così il rilascio in atmosfera dei gas serra (ma anche di virus e batteri) che vi sono intrappolati.

 

Pleistocene Park: un bisonte americano (Bison bison) e, dietro, bisonti europei (Bison bonasus).
Pleistocene Park: un bisonte americano (Bison bison) e, dietro, bisonti europei (Bison bonasus). © Courtesy of Pleistocene Park

La ricerca, pubblicata su Nature, è la prima a proporre un'azione concreta per rallentare lo scioglimento del permafrost, considerato una vera bomba a orologeria ambientale. Questo tipo di suolo incorpora infatti ricchi depositi di carbonio, dovuti all'enorme quantità di materia organica che vi si è accumulata fin dal Pleistocene (fra 2 milioni e 11.700 anni fa). Si stima che sotto quelle superfici si celino 2.880 gigatonnellate (miliardi di tonnellate) di CO2: l'equivalente di quasi 76 anni di emissioni dovute alle attività umane (rispetto ai dati 2018), con effetti devastanti sul clima.

 

I ricercatori hanno condotto i test nel Parco del Pleistocene, una riserva naturale vicina a Chersky, in Russia. Qui, d'inverno, grazie alle abbondanti nevicate, si forma un manto che isola il terreno dall'aria gelida (anche -40 °C), mantenendolo più caldo. Ma se su quel terreno si fanno passare mandrie di grandi erbivori, la neve si compatta, il suo effetto isolante si riduce e questo sembra preservare più a lungo il permafrost dalle conseguenze del riscaldamento globale. Secondo i ricercatori, un centinaio di animali per km quadrato basterebbero per dimezzare lo spessore del manto nevoso.

 

La distribuzione del permafrost nell'emisfero nord
La distribuzione del permafrost nell'emisfero nord. © Nunataryuk Project

 

«Se il mondo non dovesse rallentare le emissioni di CO2 nei prossimi decenni», avverte Christian Beer, del Centro per la ricerca e la sostenibilità dell'Università di Amburgo e primo autore dello studio, «la temperatura media del pianeta potrebbe salire anche di 4 °C, se facciamo riferimento al peggiore degli scenari ipotizzati dall'IPCC, e potrebbe sciogliersi la metà di tutto il permafrost. In base ai nostri modelli, se la neve su quei terreni venisse compressa il suolo si scalderebbe solo di 2 °C e si salverebbe l'80% del permafrost. Forse è un'utopia pensare di riportare grandi mandrie nelle latitudini più a nord del pianeta, ma anche pochi grandi erbivori avrebbero un effetto benefico importante per rallentare lo scioglimento del permafrost.»

3 aprile 2020 Vito Tartamella
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Perché Gesù finì sulla croce? A chi dava fastidio davvero, e di cosa fu accusato? Nella Palestina di duemila anni fa, ricostruiamo il processo che condannò alla più terribile delle pene il predicatore di Nazareth, consegnandolo per sempre alla Storia e, per i credenti, alle braccia del Padre.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello è l'organo più complesso da scoprire. Ecco le ultime rivelazioni della scienza. Inoltre: i laboratori bunker dove si manipolano i virus; tornano i supersonici per attraversare la stratosfera; quanto e come si allenano gli atleti delle Olimpiadi.  E ancora sei bugiardo o super bugiardo? Scoprilo con il test. 

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us