Cartoline d'Africa nelle foto della Nasa

La maestosa e variegata bellezza del continente dall'alto, in una serie di foto pescate dai nuovi archivi dell'Agenzia spaziale americana. Vedi anche: l'Africa dallo Spazio, senza una nuvola

La percezione della geografia e della natura del continente africano sono viziate da secoli di stereotipi che ne appiattiscono la varietà. Per ammirare l'Africa nella sua complessa bellezza meglio fare un passo indietro e prendere le distanze: queste foto della Nasa, frutto di decenni di osservazione, sono l'occasione perfetta. Le immagini provengono da una versione rinnovata dell'archivio digitale dell'agenzia spaziale, con oltre 140 mila scatti, video e file audio provenienti da 60 diverse collezioni, liberamente consultabili e scaricabili. In questa foto, del 2015, il corso del Nilo (da sinistra verso l'alto, in centro) e il Mar Rosso, che confluisce nel Mediterraneo attraverso il canale di Suez.

Il delta dello Zambesi, il quarto fiume più lungo d'Africa, con i suoi 2.574 km. Sfocia nell'Oceano Indiano, lungo le coste del Mozambico, e qui lo si vede in una tavolozza di tonalità di azzurro, in uno scatto del 2013.
Vedi anche: la prova di quanto ci sbagliamo sulle mappe

Il Monte Camerun fa capolino tra le nuvole, vicino al Golfo di Guinea (Oceano Atlantico). Con i suoi 4.040 m di altezza, è conosciuto anche come Mongo ma Ndemi, "montagna della grandezza", in lingua locale.

Una delle nostre preferite: l'Africa e un bel pezzo di mondo in uno scatto degli astronauti dell'Apollo 11 in viaggio verso la Luna, il 17 luglio 1969. Le foto quasi inedite delle missioni Apollo

Una regione quasi disabitata del Sudan, in una foto del 1994.

Le isole Canarie, al largo dell'Africa nord-occidentale, appartengono dal punto di vista geografico al continente africano, ma sono politicamente spagnole. Qui le vediamo sotto a un catalogo di nuvole, in una foto del 1991.
Il nuovo Atlante delle Nubi

La deforestazione nella Repubblica Democratica del Congo - un tempo Zaire - in una foto scattata dallo Space Shuttle Endeavour nel 1992. Le aree più chiare sono zone coltivate, quelle più scure sono macchia forestale.

Il mare di sabbia della Namibia ripreso dai radar: la distesa di dune si trova lungo la costa occidentale dell'Africa meridionale, non lontano dalla città di Luderitz, in Namibia.

La furia del vulcano Nabro, in Eritrea, ripresa dal satellite Terra, della Nasa, nel luglio 2011.
Una mega eruzione vulcanica ogni 44 anni

La deformazione delle rocce delle montagne dell'Anti-Atlante, in Marocco, è ben visibile nelle immagini infrarosse del satellite ASTER. La catena si formò per la collisione delle placche africana ed euroasiatica 80 milioni di anni fa. Gli strati di arenaria, calcare, argilla e gesso - nei colori più chiari - sono distinti dalle rocce granitiche, in verde e blu.

Il Sudafrica in un tripudio di luci notturne, visto dalla ISS.
Notturno spaziale

La percezione della geografia e della natura del continente africano sono viziate da secoli di stereotipi che ne appiattiscono la varietà. Per ammirare l'Africa nella sua complessa bellezza meglio fare un passo indietro e prendere le distanze: queste foto della Nasa, frutto di decenni di osservazione, sono l'occasione perfetta. Le immagini provengono da una versione rinnovata dell'archivio digitale dell'agenzia spaziale, con oltre 140 mila scatti, video e file audio provenienti da 60 diverse collezioni, liberamente consultabili e scaricabili. In questa foto, del 2015, il corso del Nilo (da sinistra verso l'alto, in centro) e il Mar Rosso, che confluisce nel Mediterraneo attraverso il canale di Suez.