Natura

Carburante "eco" dagli pneumatici usati: il progetto Tygre

Nei laboratori dell'ENEA si sta sperimentando una nuova tecnologia per ricavare carburante a basso costo e altre materie prime pregiate dagli pneumatici usati.

Ogni anno gli automobilisti europei sostituiscono più di 3 milioni di tonnellate di pneumatici: una quantità enorme, pari al peso di 30 portaerei a propulsione nucleare. Ma dove finisce questa montagna di gomma? Per la maggior parte nelle discariche, perché il materiale con cui sono realizzate le ruote di auto e camion è difficilmente riciclabile (guarda il video).

Come ti reinvento la ruota. Ma la situazione potrebbe presto cambiare e le gomme usate potrebbero trasformarsi da pericolo ambientale a risorsa preziosa. È infatti entrato nella fase sperimentale il progetto TyGRE, un'iniziativa finanziata dall'Unione Europea e affidata all'ENEA, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.
L'idea dei ricercatori, che stanno lavorando al progetto dal 2011, è quella di riscaldare la gomma a 1.000°C per ottenere il syngas, un composto di monossido, biossido di carbonio e metano dall'elevatissimo potere calorico che può essere utilizzato come combustibile in diversi tipi di motore termico. Da questo processo è possibile ottenere, come sostanze di scarto, anche altri elementi utili all'industria come per esempio il carburo di silicio, particolarmente costoso da estrarre in natura e ampiamente utilizzato nell'elettronica e nella produzione di ceramiche.
I ricercatori dell'ENEA avvieranno a breve un impianto sperimentale in grado di processare circa 30 kg di gomma l'ora. L'obiettivo dei prossimi mesi è quello di verificare sul campo la fattibilità del recupero e valutare gli eventuali effetti ambientali di questa tecnologia che, almeno sulla carta, sembra molto promettente.

Ti potrebbe interessare:
Il pieno me lo faccio in bagno
Che cos'è il biodiesel?

9 maggio 2013 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us