Cascate di sangue

2011_02_blood_falls-008copia
Le Blood Falls, cascate rosso sangue tra i ghiacci perenni dell'Antartico.|Caters News Agency/Iberpress
Oggi è la giornata mondiale del donatore di sangue. E sarebbe davvero una manna dal cielo scoprire una cascata di sangue umano, così necessario e così introvabile. Eppure di sangue in giro ce n'è tantissimo (è dentro di noi) e donarlo è facile. La giornata che si celebra oggi in tutto il mondo al grido di “ogni donatore è un eroe”, rappresenta proprio un modo per ringraziare tutti i volontari che con il loro gesto salvano ogni giorno vite umane. E rappresenta anche un invito a ciascuno di noi a dare il nostro contributo.

Le Blood Falls - letteralmente “Cascate di Sangue” - in realtà esistono e si trovano in Antartide, ma ovviamente non hanno nulla a che vedere con la nostra linfa vitale, la cui reperibilità dipende esclusivamente dalla generosità dei donatori. 
Ma perchè queste cascate si chiamano così? Per capirlo basta guardare la foto: sembra davvero un rivolo di sangue che fuoriesce dai ghiacci polari come se uscisse da una ferita, per poi gettarsi nel mare con un salto di 15 metri. Il flusso d'acqua salata di colore rosso-arancione proviene dal lago subglaciale sommerso da circa 400 metri di ghiaccio del ghiacciaio Taylor, in Antartide. Il misterioso fenomeno naturale si verifica quando l'ossido di ferro intrappolato nel lago reagisce con i microbi che vivono nell'acqua, colorandola di rosso.
L'acqua di questo lago è rimasta imprigionata sotto al ghiacciaio quasi 2 milioni di anni fa e l'esigua quantità che fuoriesce generando le Blood Falls è sufficiente ai ricercatori per raccogliere campioni di questo antichissimo ecosistema senza interventi invasivi di trivellazione. I primi risultati degli studi in corso, pubblicati da Science, rivelano la presenza nelle acque del lago di ben 17 microrganismi in grado di sopravvivere adattandosi alle condizioni di totale assenza di luce e ossigeno.

Guarda un cerotto usato visto al microscopio

Una goccia di sangue "umana" per invitare a donare il sangue
.
14 Giugno 2012 | Rebecca Mantovani