Aurore boreali e nubi nottilucenti: i cieli incredibili di Alan Dyer

I colori delle luci del nord, l'argento delle nuvole attraversate dal Sole, le frequenti visite della ISS e i bagliori dell'inquinamento luminoso: unite questi ingredienti in una foto e avrete un assaggio dell'arte di Alan Dyer, un fotografo astronomico che riesce a immortalare momenti di pura meraviglia nei cieli canadesi.

L'umanità e l'astronomia: una storia d'amore che dura da secoli

albertanorthernn2n3n4conjunctionississ2Approfondimenti
alberta

I suoi colori saranno i primi a catturare i vostri sguardi, ma di eccezionale, in questa foto, non c'è soltanto l'aurora. Nello scatto panoramico del fotografo e giornalista astronomico canadese Alan Dyer, realizzato ad Alberta (Canada) il 5 giugno 2013, sono racchiusi diversi fenomeni celesti che già da soli varrebbero un intero servizio fotografico.

Iniziamo dall'arco della Via Lattea, che si estende in tutta la sua bellezza sulla destra dell'immagine; in direzione nord, appena più a sinistra del centro della foto, è visibile il bagliore giallo del perenne crepuscolo presente, alla latitudine dello scatto (51° Nord), nei giorni vicini al solstizio d'estate. Appena sopra, si scorgono le bande verdi e viola di una bassa aurora boreale.

I bagliori verdi che si intravedono nel cielo sono causati da una perenne luminescenza stratosferica dovuta al rilascio di energia degli atomi d'ossigeno nella parte superiore dell'atmosfera. Alla sinistra della casa, all'orizzonte, si intravede il brillio giallognolo dell'inquinamento luminoso cittadino, mentre, sulla sinistra, si scorge un'ospite speciale: la navicella cargo Einstein ATV ritratta nel suo viaggio verso la ISS.

Guarda anche la foto ingrandita su Flickr
The Amazing Sky, il sito di Alan Dyer

northern

Ma lo spettacolo doveva ancora continuare. Quattro notti dopo, il 9 giugno, Alan ha catturato un altro scatto mozzafiato, che documenta l'incontro tra le Luci del Nord e le nubi nottilucenti nella stessa area geografica, a sud della città di Alberta.

Le nubi nottilucenti, molto difficili da osservare, si formano in inverno alle alte latitudini, in condizioni climatiche particolarmente rigide, quando la luce del Sole al tramonto attraversa i sottili cristalli di ghiaccio sospesi nell'atmosfera.

Tutte le più belle foto di nuvole (guarda)

n2

«La principale difficoltà nel fotografare l'aurora e le nubi nottilucenti consiste nel trovarsi al posto giusto quando questi fenomeni si manifestano» racconta Dyer. «L'aurora è in parte prevedibile, ma riuscirai a raggiungere un luogo adatto per fare delle belle foto? Dev'essere lontano dalle aree urbane e con uno sfondo fotogenico. E soprattutto, il cielo sarà limpido? Nelle ultime settimane abbiamo perso molti interessanti fenomeni celesti qui, a causa delle cattive condizioni meteo».

Nella foto, un altro mix perfetto tra nubi nottilucenti e aurora boreale.

Lo spettacolo dell'aurora boreale in time-lapse: vai al video
Le più belle aurore boreali su Focus.it

n3

«Con le nubi nottilucenti non ci sono sistemi di previsione, e anche se appaiono potrebbero non farlo fino a mezzanotte o l'una. Catturare belle foto di nuvole nottilucenti significa stare svegli fino a tardi ogni notte serena vicina al solstizio d'estate. Non si dorme molto! E si possono fotografare anche nei dintorni di una città, a patto di trovarsi in un luogo con un orizzonte settentrionale fotogenico e basso».

Stellate mozzafiato sulle più caotiche città del mondo: il trucco fotografico
Notturno spaziale: immagini spettacolari delle notti terrestri viste dallo Spazio

n4

«Quando finalmente si manifesta un bel fenomeno celeste è piuttosto semplice ottenere delle belle foto con le macchine digitali. I tempi di esposizione dipendono dalla brillantezza del fenomeno e del cielo, ma è facile stabilirli dopo alcuni test. La fotocamera catturerà sempre maggiore intensità, struttura e colore di quanto l'occhio umano possa vedere».

Guarda anche il video delle nubi nottilucenti del 9 giugno:


conjunction

Altre volte lo spettacolo è da cercare molto al di fuori della nostra atmosfera. In questa foto, la congiunzione tra tre pianeti immortalata da Dyer il 26 maggio 2013. Mercurio, Venere e Giove si trovano in uno stretto "triangolo" nello scatto realizzato dal Dinosaur Provincial Park di Alberta (Canada).

Un'altra spettacolare congiunzione
Guarda anche le foto del transito di Venere sul Sole
Gioco di specchi tra Hubble, Venere e la Luna

iss

Un altro evento molto frequente ma difficile da immortalare: il passaggio della ISS sopra alle nostre teste. In questa foto con lenti "fish-eye" il passaggio della Stazione Spaziale sopra al Canada il 5 giugno. Al centro la Via Lattea e sullo sfondo le luci di una bassa aurora boreale.

Il moto delle stelle visto dalla ISS: vai al video
La Terra in time-lapse e una notte di temporali africani visti dalla ISS

iss2

Un altro passaggio della ISS, questa volta la notte del 9 giugno. Il cielo appare più blu mentre la nostra base orbitante sfreccia da ovest ad est.

I suoi colori saranno i primi a catturare i vostri sguardi, ma di eccezionale, in questa foto, non c'è soltanto l'aurora. Nello scatto panoramico del fotografo e giornalista astronomico canadese Alan Dyer, realizzato ad Alberta (Canada) il 5 giugno 2013, sono racchiusi diversi fenomeni celesti che già da soli varrebbero un intero servizio fotografico.

Iniziamo dall'arco della Via Lattea, che si estende in tutta la sua bellezza sulla destra dell'immagine; in direzione nord, appena più a sinistra del centro della foto, è visibile il bagliore giallo del perenne crepuscolo presente, alla latitudine dello scatto (51° Nord), nei giorni vicini al solstizio d'estate. Appena sopra, si scorgono le bande verdi e viola di una bassa aurora boreale.

I bagliori verdi che si intravedono nel cielo sono causati da una perenne luminescenza stratosferica dovuta al rilascio di energia degli atomi d'ossigeno nella parte superiore dell'atmosfera. Alla sinistra della casa, all'orizzonte, si intravede il brillio giallognolo dell'inquinamento luminoso cittadino, mentre, sulla sinistra, si scorge un'ospite speciale: la navicella cargo Einstein ATV ritratta nel suo viaggio verso la ISS.

Guarda anche la foto ingrandita su Flickr
The Amazing Sky, il sito di Alan Dyer