Natura

Animali e vegetali, due regni diversi

I vegetali, a differenza degli animali, sono stanziali, ma non sono inermi perché hanno imparato a rispondere alle minacce, alle sollecitazioni e alle alterazioni biochimiche. Ecco come.

Contenuto sponsorizzato a cura di Ricola

La fondamentale differenza tra animali e piante è che i primi si spostano, mentre le seconde sono stanziali.

A prima vista può apparire lapalissiano, ma non è altro che una diretta conseguenza di una scelta evolutiva che gli scienziati stimano sia avvenuta fra 400 e i 600 milioni di anni fa.

“Le piante hanno preso la decisione di rimanere radicate nel terreno senza avere la possibilità di muoversi, diversa l’evoluzione degli animali che hanno scelto di andare in giro alla ricerca di soluzioni migliori per trovare il cibo necessario, o ancora andare a vivere in un luogo dove il clima è migliore”, dice il botanico Stefano Mancuso.

Soluzioni che semplificano la vita, grazie a una ricerca itinerante, mentre per esempio, il nutrimento le piante lo prendono dove sono radicate, semplicemente dall’energia del sole.

Essere radicati rappresenta una diversa concezione di vivere e affrontare le sfide della vita, perché: “se ci pensiamo attentamente, gli animali risolvono i loro problemi attraverso il movimento. Per esempio, noi ci spostiamo per trovare condizioni di vita migliori, come avviene per tutte le altre speci animali, che si muovono per comunicare, per trovare un partner e, soprattutto, per evitare i problemi”.

Nel corso della loro evoluzione le piante hanno messo a punto un sistema interessante e complesso che consente loro di risolvere i problemi nell’immobilità.

Come sottolinea Mancuso “le piante sono i veri organismi che risolvono i problemi ed è questo che le rende così appassionanti”.

I vegetali sono stanziali, ma al contrario di quanto si pensi non sono inermi: rispondono alle minacce, alle sollecitazioni del caldo e del freddo, della ricerca di acqua e alle alterazioni biochimiche con una dinamicità incredibile, perché trovano la soluzione negli elementi che hanno a disposizione, il tutto senza possedere quello che noi chiamiamo sistema nervoso.

16 aprile 2019
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us