Natura

Amazzonia: la foresta pluviale vista da Google Street View

Aerei e satelliti non vedono che cosa c'è sotto la volta della foresta pluviale, ma una vecchia tecnologia tirata a lucido porta i cartografi di Google nel cuore dell'Amazzonia.

Nemmeno la foresta Amazzonica sfugge all'occhio di Google: l’azienda americana sta infatti mappando la più grande area verde del pianeta. Per spostarsi nella foresta i suoi fotografi-cartografi viaggiano in auto, in barca, a piedi e, recentemente, in teleferica (una zip line chiamata Flying Fox). La teleferica è un antico sistema di trasporto, utilizzato in particolare nelle zone montane di Europa, Asia e Africa e da qualche anno per molti zoo-safari e parchi avventura: in questo caso, dopo avere steso cavi di acciaio sopraelevati tra due punti della foresta pluviale, il sistema permette di "sorvolare" rapidamente l'area a bassa quota, scattando a raffica le fotografie che poi diventano nuove mappe e scenari di Google Street View.

Appesi a un filo. L’idea della teleferica è semplice e collaudata, ma per realizzarla in quella regione ha richiesto la stretta collaborazione tra gli ingegneri di Google e un'associazione che ha maturato una grande esperienza in Amazzonia e nel rapporto con i nativi, l'Amazonas Sustainable Foundation (Fas). Questo perché le aree selezionate per la mappatura fotografica non sono certo zone turistiche.

Il risultato è una straordinaria panoramica di un'area geografica preziosa per il nostro pianeta e, in più, è un'occasione importante per documentare la vita quotidiana delle popolazioni che vivono lungo i fiumi Aripuana e Mariepauá: uno studio antropologico che permetterà alla Fas di proseguire nel suo lavoro di sensibilizzazione sulle condizioni di vita delle tribù locali, sempre più a rischio di estinzione a causa della deforestazione, delle politiche agricole dei Paesi del Sud America e in generale dell'avanzare della civiltà.

Vedi anche

4 marzo 2015 Andrea Bressa
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us