Natura

Amazzonia: la foresta pluviale vista da Google Street View

Aerei e satelliti non vedono che cosa c'è sotto la volta della foresta pluviale, ma una vecchia tecnologia tirata a lucido porta i cartografi di Google nel cuore dell'Amazzonia.

Nemmeno la foresta Amazzonica sfugge all'occhio di Google: l’azienda americana sta infatti mappando la più grande area verde del pianeta. Per spostarsi nella foresta i suoi fotografi-cartografi viaggiano in auto, in barca, a piedi e, recentemente, in teleferica (una zip line chiamata Flying Fox). La teleferica è un antico sistema di trasporto, utilizzato in particolare nelle zone montane di Europa, Asia e Africa e da qualche anno per molti zoo-safari e parchi avventura: in questo caso, dopo avere steso cavi di acciaio sopraelevati tra due punti della foresta pluviale, il sistema permette di "sorvolare" rapidamente l'area a bassa quota, scattando a raffica le fotografie che poi diventano nuove mappe e scenari di Google Street View.

Appesi a un filo. L’idea della teleferica è semplice e collaudata, ma per realizzarla in quella regione ha richiesto la stretta collaborazione tra gli ingegneri di Google e un'associazione che ha maturato una grande esperienza in Amazzonia e nel rapporto con i nativi, l'Amazonas Sustainable Foundation (Fas). Questo perché le aree selezionate per la mappatura fotografica non sono certo zone turistiche.

Il risultato è una straordinaria panoramica di un'area geografica preziosa per il nostro pianeta e, in più, è un'occasione importante per documentare la vita quotidiana delle popolazioni che vivono lungo i fiumi Aripuana e Mariepauá: uno studio antropologico che permetterà alla Fas di proseguire nel suo lavoro di sensibilizzazione sulle condizioni di vita delle tribù locali, sempre più a rischio di estinzione a causa della deforestazione, delle politiche agricole dei Paesi del Sud America e in generale dell'avanzare della civiltà.

Vedi anche

4 marzo 2015 Andrea Bressa
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us