Natura

Amazzonia: la foresta pluviale vista da Google Street View

Aerei e satelliti non vedono che cosa c'è sotto la volta della foresta pluviale, ma una vecchia tecnologia tirata a lucido porta i cartografi di Google nel cuore dell'Amazzonia.

Nemmeno la foresta Amazzonica sfugge all'occhio di Google: l’azienda americana sta infatti mappando la più grande area verde del pianeta. Per spostarsi nella foresta i suoi fotografi-cartografi viaggiano in auto, in barca, a piedi e, recentemente, in teleferica (una zip line chiamata Flying Fox). La teleferica è un antico sistema di trasporto, utilizzato in particolare nelle zone montane di Europa, Asia e Africa e da qualche anno per molti zoo-safari e parchi avventura: in questo caso, dopo avere steso cavi di acciaio sopraelevati tra due punti della foresta pluviale, il sistema permette di "sorvolare" rapidamente l'area a bassa quota, scattando a raffica le fotografie che poi diventano nuove mappe e scenari di Google Street View.

Appesi a un filo. L’idea della teleferica è semplice e collaudata, ma per realizzarla in quella regione ha richiesto la stretta collaborazione tra gli ingegneri di Google e un'associazione che ha maturato una grande esperienza in Amazzonia e nel rapporto con i nativi, l'Amazonas Sustainable Foundation (Fas). Questo perché le aree selezionate per la mappatura fotografica non sono certo zone turistiche.

Il risultato è una straordinaria panoramica di un'area geografica preziosa per il nostro pianeta e, in più, è un'occasione importante per documentare la vita quotidiana delle popolazioni che vivono lungo i fiumi Aripuana e Mariepauá: uno studio antropologico che permetterà alla Fas di proseguire nel suo lavoro di sensibilizzazione sulle condizioni di vita delle tribù locali, sempre più a rischio di estinzione a causa della deforestazione, delle politiche agricole dei Paesi del Sud America e in generale dell'avanzare della civiltà.

Vedi anche

4 marzo 2015 Andrea Bressa
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us