Natura

A rischio centinaia di specie in più del previsto

L'habitat di molti animali sarebbe più compromesso di quanto risulta dal lavoro della IUCN, l'autorevole database sulla conservazione di fauna e flora, che non considera i dati satellitari.

Il diadema purpureo (Boissonneaua jardini), un colibrì iridescente originario di Ecuador e Colombia, era considerato fino a oggi un uccello non a rischio dalla Lista Rossa della IUCN (la International Union for Conservation of Nature), il più famoso database sulla conservazione di animali e vegetali.

Invece il pennuto potrebbe essere più minacciato di quanto si credesse, così come altre 210 specie di suoi simili. Lo afferma uno studio del Politecnico Federale di Zurigo basato su dati satellitari dettagliati sull'altitudine preferita dalle specie e la copertura delle foreste a quella quota.

La critica. Per i ricercatori, l'IUCN non incorpora le più moderne informazioni aeree e satellitari nelle sue valutazioni sullo stato di salute degli habitat. Si baserebbe, invece, esclusivamente su dati "sul campo" di decine di migliaia di scienziati, ricercatori e volontari.

Il risultato, secondo i ricercatori di Zurigo, è che centinaia di specie considerate al sicuro o soltanto vulnerabili sarebbero più seriamente a rischio di quanto ipotizzato. Lo studio è stato condotto finora su 586 specie di uccelli di Asia, Americhe e Madagascar: studiando i dati Landsat delle variazioni di copertura forestale, il 43% delle specie non minacciate secondo la IUCN è risultato più vulnerabile di quanto si credesse. E lo stesso discorso potrebbe valere anche per mammiferi e anfibi.

11 novembre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us