Ci sarà abbastanza acqua in futuro?
Il Water Scarcity Atlas è uno strumento facile da usare, per tutti: mostra quanta acqua abbiamo consumato in passato e quanta ne consumeremo a seconda delle scelte che faremo.
L'ozono stratosferico potrebbe guarire in 40 anni
Buone notizie dall'ultimo rapporto sul buco nell'ozono: si sta restringendo grazie al bando delle sostanze che lo erodono previsto dal Protocollo di Montreal. Gli accordi politici in tema ambientale, se ottemperati, servono.
Negli ultimi 40 anni un'ecatombe di vertebrati
Secondo il WWF, il nostro consumo di terre e risorse ha causato un assottigliamento medio del 60% nelle popolazioni di mammiferi, uccelli, rettili, pesci e anfibi. Numeri da estinzione di massa.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

E se il mondo intero diventasse vegetariano?
Uno scenario irrealistico, ma utile per capire che impatto hanno le nostre abitudini alimentari sul Pianeta. E quanto sia importante la moderazione nelle scelte di consumo.
Il suolo sequestra meno CO2 del previsto
Il processo con il quale il terreno assorbe anidride carbonica si svolge nell'arco temporale di millenni, e non di secoli come finora ipotizzato. Abbiamo sovrastimato il suo contributo del 40%.
I dominatori degli oceani
I più piccoli abitanti delle acque sono... miliardi di miliardi. Una popolazione immensa, fondamentale per il pianeta e indifferente all'uomo.
Il secondo record minimo dei ghiacci artici
Nell'estate 2016 la copertura di ghiaccio marino al Polo Nord ha stabilito il secondo record in negativo da quando sono iniziate le rilevazioni satellitari: è stato peggio solo nel 2012.
La Casa Bianca invasa dagli oceani (su Instagram)
I più apprezzati fotografi naturalisti hanno raccontato il proprio rapporto con il mare. L'iniziativa all'indomani dell'istituzione del primo monumento nazionale marino dell'Oceano Atlantico. 
Anidride carbonica in super HD
Il viaggio inquietante della CO2 in atmosfera visualizzato con un dettaglio senza precedenti.
La terraferma guadagna spazi sui mari del pianeta
Uno studio su dati Landsat dimostra che in 30 anni la terraferma ha conquistato spazi ai mari: la causa è l’azione dell’uomo.
Un decimo di natura selvaggia distrutto in 20 anni
Le aree naturali incontaminate ricoprono ora meno di un quarto della superficie terrestre. Poco è stato fatto per proteggerle, anche se potrebbero fare molto contro il riscaldamento globale.