Mozziconi scambiati per vermi (e mangiati)
Le sigarette inquinano più di quanto si possa immaginare: i filtri, praticamente indistruttibili, sono spesso una trappola mortale per gli uccelli, che li scambiano per cibo.
Cinque grammi di plastica alla settimana
Nell'arco di 7 giorni assumiamo insieme ad acqua e cibo l'equivalente in frammenti di plastica del peso di una carta di credito, che transitano nell'organismo con effetti poco noti sulla salute. 
Inquinanti: i limiti europei non sono rispettati
In Europa le emissioni legate anche all'agricoltura e all'allevamento aumentano di anno in anno.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Sempre più CO2 dal suolo delle foreste
Uno studio di quattro anni mette in evidenza il ruolo del suolo delle foreste nell'aumento delle emissioni di CO2, in funzione dell'aumento delle temperature atmosferiche del pianeta.
L'isola rifiutata
È un'isola fatta interamente di spazzatura. Anzi, più di una: nell'Oceano Pacifico ci sono diverse isole di spazzatura di plastica. Ecco dove sono e come si formano.
Uragani, incendi, terremoti: il conto del 2017
Il bilancio delle perdite economiche dovute agli eventi naturali estremi è due volte quello del 2016.
Il fracking e le malattie neonatali
Un sorprendente studio statistico su oltre 1 milione di nascite mette in relazione seri problemi di salute con le attività di estrazione a mezzo fracking: non è ancora chiaro che cosa, esattamente, crei i problemi.
No alla pesca nell'Artico centrale per 16 anni
L'accordo tra 9 nazioni più l'Unione Europea servirà a proteggere un'area preziosa per la ricerca scientifica e la climatologia mondiale, ora più facilmente raggiungibile per la fusione dei ghiacci.
11 consigli per riscaldare la casa risparmiando
Guida essenziale per un inverno più verde, più caldo e meno caro.
L'UE rinnova il glifosato per altri 5 anni
Gli stati dell'UE hanno votato: l'autorizzazione per il potente erbicida verrà estesa. Rimane aperto il dibattito sui rischi per la salute.
Microplastica nei mari: un colorante la trova
Un metodo semplice ed economico sviluppato da un'Università britannica permette di rintracciare i frammenti di plastica invisibili negli oceani, e di sbarazzarsene più facilmente.