Ecologia

Wwf, Thailandia promuova legge più efficace su traffico avorio

Nel 2013 il Paese si era impegnato a bandire il commercio illegale, ma oggi ancora sanzioni deboli

Roma, 17 ott. - (AdnKronos) - “Il traffico di wildlife terminerà solo con l’estinzione di elefanti, rinoceronti e tigri o con la fine dell’assurda e criminale domanda di animali in via d’estinzione proveniente dai mercati asiatici”. Così il Wwf occasione del vertice Asia – Europa Asem che si chiude oggi a Milano alla presenza di oltre 50 capi di stato. Un appello particolare va al Thailandia che nel 2013 si era impegnata a bandire il commercio di avorio sul proprio territorio.

“Ci auguriamo che questo Paese, che gioca un ruolo cruciale nel commercio illegale di avorio e che quindi ha nelle proprie mani il destino delle popolazioni degli elefanti, continui nella strada che ha da poco intrapreso promuovendo una legge più efficace. Ad oggi purtroppo la legge contro il commercio illegale di avorio è in Thailandia meno forte e prevede sanzioni più deboli che in altri paesi asiatici".

"La comunità civile in Europa, in Asia e in tutto il Pianeta si aspetta che la Thailandia faccia onore ai propri impegni, bandisca il commercio di avorio e diventi a tutti gli effetti paese leader nella lotta contro il commercio di wildlife”, ricorda il Wwf Italia. Secondo le principali istituzioni internazionali fra cui le Nazioni Unite il commercio illegale di wildlife mette a rischio gli equilibri democratici dei paesi, fomenta conflitti, terrorismo e apre la strada alla trasmissione di agenti patogeni anche molto pericolosi.

Il continente asiatico non è soltanto un bacino cruciale per la conservazione di una biodiversità unica come le popolazioni di tigre, di tre specie di rinoceronti, di oranghi, con le foreste tropicali, le barriere coralline, gli altopiani steppici e imponenti bacini idrografici. E’ anche il continente che, trainato dalla crescita demografica e dalla crescita dei consumi gioca il ruolo più importante sul futuro dei sistemi naturali nel pianeta.

Alla metà del 2014 con una popolazione mondiale di 7 miliardi e 238 milioni, l’Asia presenta una popolazione complessiva di 4 miliardi e 354 milioni. Tra gli otto Paesi con le popolazioni più numerose al mondo, ben cinque sono asiatici, con le prime postazioni coperte dalla Cina con 1 miliardo e 364 milioni e dall’India con 1 miliardo e 296 milioni e poi al quarto posto l’Indonesia con 251 milioni, al sesto il Pakistan con 194 milioni e all’ottavo il Bangladesh con 158 milioni (intervallati ad essi vi sono gli Usa al terzo posto con 318 milioni, il Brasile al quinto con 203 e la Nigeria al settimo con 177).

Secondo i dati del recentissimo Living Planet Report 2014 del Wwf, la Cina si colloca al 76esimo posto come impronta ecologica pro capite ma, considerando la sua popolazione nazionale presenta la più alta impronta ecologica sul pianeta, seguita dagli Stati Uniti e dall’India.

I Paesi asiatici, con Cina, Vietnam e Thailandia in testa, sono anche i principali responsabili di uno dei maggiori business illegali che sta portando all’estinzione specie di valore inestimabile, il quarto dopo droga, armi ed esseri umani: il commercio di avorio, di corno di rinoceronte di parti di tigre è alimentato da una richiesta in crescita esponenziale proveniente dai paesi asiatici, ricorda che dal 2007 ad oggi stiamo assistendo ad un aumento del 7000% del bracconaggio sui rinoceronti, mentre di elefanti uccisi sono passati da poche centinaia agli attuali 25.000 l’anno.

L’avorio viene venduto nei mercati di Bangkok o Beijing alla cifra di 3000 dollari al chilo mentre il corno di rinoceronte ha raggiunto i 60.000 dollari al chilo. Il WWF si augura che l’Asem che quest’anno era dedicata alla definizione di “ una nuova alleanza strategica per creare una crescita sostenibile e vantaggiosa “si concluda con un effettivo e concreto impegno dei paesi responsabili di questi crimini a rafforzare la lotta al bracconaggio e al commercio illegale.

17 ottobre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us