Ecologia

Voleva fermare le trivelle, attivista italiana Greenpeace rischia 3 anni di carcere in Spagna

Rischia fino a 3 anni di carcere

Roma, 28 lug. (AdnKronos) - Rischia da uno a tre anni di carcere Matilde, l’attivista italiana di Greenpeace accusata di pirateria per un'azione contro le trivellazioni alle Canarie alla quale ha partecipato lo scorso novembre. La giovane comparsa oggi davanti a un tribunale spagnolo, è stata ascoltata sia come indagata sia come vittima, perché Greenpeace ha a sua volta denunciato la Marina spagnola per negligenza e per il ferimento di tre attivisti, tra cui la stessa 24enne italiana.

Secondo quanto riferito dall'associazione ambientalista, lo scorso 14 novembre Matilde era a bordo di uno dei gommoni di Greenpeace che si erano avvicinati alla Rowan Renaissance, una nave impegnata nelle prospezioni petrolifere alle Canarie. Il gommone fu speronato dai mezzi della Marina spagnola e Matilde cadde in acqua riportando una frattura scomposta della tibia e del perone. Soccorsa da un’imbarcazione della stessa Marina e trasferita in elicottero all’ospedale di Las Palmas, dovette sottoporsi a un intervento chirurgico d’urgenza.

"È paradossale che si denunci la vittima invece degli autori del fatto. Questo lascia pensare che la Marina spagnola - afferma Alessandro Giannì, direttore delle campagne di Greenpeace Italia - voglia eludere le proprie responsabilità per un’aggressione che poteva costare la vita alla nostra attivista. Ci preoccupa - aggiunge - che un cittadino italiano possa essere accusato di pirateria in uno Stato dell’Unione Europea per una protesta pacifica e non violenta".

In questi giorni, oltre a Matilde, sono comparsi in tribunale anche gli altri attivisti feriti, ma solo in qualità di vittime: la ventiquattrenne italiana è infatti l’unica a essere indagata per pirateria, reato previsto per chi è accusato di resistenza o disobbedienza agli ordini della Marina.

28 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us