Viaggiare con gusto, il social travelling si sposa con il social eating

Il viaggio è sempre più social grazie a Yamgu/ Video

viaggi_app_ftolia
| ADN Kronos

Roma, 4 mag. - (AdnKronos) - Itinerari, mostre, concerti. Ma anche cene, pranzi e aperitivi. È questo che offre Yamgu, la piattaforma di social travelling 3.0, che da oggi integra Gnammo , il portale italiano di social eating dedicato alla ristorazione e agli eventi conviviali casalinghi, e Viator, fornitore di local experience del gruppo Tripadvisor.

 

Accedendo a Yamgu (You are my guide) da desktop o da app, sarà possibile infatti navigare nella nuova sezione 'Experience', dove trovare e acquistare le cene e gli eventi organizzati dagli oltre 185.000 gnammer italiani che scelgono la tavola come luogo ideale per stringere amicizie: chiunque, semplice appassionato o più esperto in cucina, può organizzare eventi food in casa propria, aprendo la tavola agli altri membri della community.

 

“Con Yamgu vogliamo permettere a chi ama viaggiare di trovare tutto quello che gli serve per conoscere e innamorarsi di un posto”, spiega Ester Liquori, co-founder della startup Yamgu. La piattaforma di social travelling è infatti in grado di creare per ciascun utente itinerari di visita personalizzati in oltre 3.200 comuni italiani (e presto anche nelle capitali europee) consigliando i percorsi migliori aggiornati in tempo reale.

 

Integrando open data e User generated content, Yamgu interagisce con i social trend e con i servizi meteo, consente di impostare il tempo che si ha a disposizione per effettuare il percorso e suggerisce i luoghi di interesse, fornendo curiosità a riguardo e informazioni su orari di apertura. Da oggi inoltre, nella sezione Experience, sarà possibile scoprire le local experience e i tour con Viator, il portale per prenotare le migliori esperienze di viaggio in tutto il mondo, nonché prenotare subito e direttamente le guide professioniste, le visite tematiche e i biglietti per saltare la fila.

 

Ma le tradizioni di un luogo passano dall’artigianalità, dai piccoli segreti e soprattutto dalla tavola. Gnammo si propone infatti di offrire un’esperienza della tipica ospitalità italiana, permettendo a tutti di condividere la passione per il buon cibo e la convivialità.

 

“Conoscere nuovi amici attorno ad una tavola permette di entrare in contatto con i gusti, le tradizioni e le abitudini locali delle città italiane, di vivere i luoghi in prima persona”, spiega Gian Luca Ranno, co-founder di Gnammo. In particolare, con la formula Special Dinner, Gnammo permette agli host di aprire le porte delle proprie abitazioni a turisti e viaggiatori, per condividere insieme a loro una serata originale. Il format offre un circuito di location ed un assortimento di menù e proposte gastronomiche di cucina tradizionale e non, nelle più importanti destinazioni italiane di interesse turistico.

 

4 maggio 2016 | ADNKronos