Ecologia

Via libera alle fabbriche di energia sull’oceano

Un progetto flessibile per produrre energia infinita dal mare

di
Negli Stati Uniti, di fronte alle coste dell'Oregon, sta per iniziare un progetto sperimentale di sfruttamento dell'energia del moto ondoso. Dieci turbine sommerse produrranno energia pulita in gran quantità.

"L'unico problema di questo progetto sono le dimensioni: enormi!"

Energia dal mare -

Produrre energia pulita e rinnovabile dal mare

Una pompa nell'oceano - Più che di turbine, però, sarebbe meglio parlare di pompe agganciate a delle boe. Il funzionamento di questi apparecchi, infatti, non avviene per rotazione ma per compressione. La sommità della boa - quella gialla nella foto - resta a galla, mentre il resto del macchinario viene fatto sprofondare. Quando arriva l'onda spinge verso l'alto la pesante struttura facendola lavorare su e giù come una pompa. Il movimento, lento e continuo, serve per attivare il generatore di corrente elettrica. Il progetto approvato è ancora sperimentale, seppur basato già su criteri commerciali: 10 boe da 150 kW di potenza ciascuna. Ocean Power Technologies prevede di allargare il progetto fino a 50 MW, nel prossimo futuro, utilizzando pompe da mezzo MegaWatt.

Le dimensioni contano - Questi marchingegni, però, hanno un difetto: sono enormi! Il modello "piccolo" da 150 kW ha un diametro di 10 metri e un'altezza di 45, pari a quella di un edificio di 15 piani circa, per un peso complessivo di 150 tonnellate. Per fare un paragone: produrre la stessa energia con il fotovoltaico richiederebbe più o meno mille metri quadrati di pannelli solari disposti su un rettangolo largo 20 metri e lungo 50. Le enormi dimensioni di queste pompe galleggianti derivano dalla necessità di resistere alla forza delle onde dell'oceano e di durare per almeno 25 anni. (sp)

Ocean Power Technologies

4 gennaio 2013
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us