Ecologia

Vecchi e lenti, servono 1.600 nuovi treni per città più vivibili

Presentato studio di Legambiente con il contributo di Ansaldo Breda

Roma, 9 giu. (AdnKronos) - Sono 3.290 i treni in servizio nelle regioni italiane. Convogli troppo vecchi e lontani dagli standard europei: l'età media di quelli in circolazione sulla rete regionale è di 18,6 anni, il 45% ha più di 20 anni. Mentre, per un servizio di livello europeo, servirebbe un programma di 1600 tra treni regionali, metropolitani e tram. È questo in sintesi il quadro che emerge dallo studio 'Nuovi treni per città più vivibili' realizzato da Legambiente, con il contributo di Ansaldo Breda che ha analizzato la situazione infrastrutturale e del trasporto ferroviario nelle città.

Per Legambiente, "ad oggi il trasporto ferroviario italiano conta treni troppo vecchi, lenti e lontani dagli standard europei di frequenza delle corse". Secondo l'associazione, anche se negli ultimi dieci anni sono stati realizzati da parte delle Regioni interventi per la sostituzione del materiale rotabile, il tasso di sostituzione è ancora troppo lento dato che ha riguardato solo il 19,8% della flotta totale di treni regionali attualmente in circolazione.

La Lombardia è la regione che ha acquistato più treni nuovi, per un totale di 125 (circa il 19% del totale nazionale), seguita dall'Emilia-Romagna con 72 treni tra revamping (ristrutturazione generale) e nuovi. Ancora: ci sono anche treni metropolitani e tram troppo vecchi. A Milano, ad esempio, l'età media è rispettivamente di 23,9 anni e 64,5; a Genova oscilla tra i 20 ed i 25 anni. Stessa situazione per la linea B di Roma e per la linea 2 di Napoli (la linea storica che utilizza treni suburbani). A questo - sottolinea Legambiente - si aggiungono i ritardi e i disservizi che contraddistinguono il trasporto ferroviario e che caratterizzano la vita dei cinque milioni di pendolari che ogni giorno prendono treni regionali e metropolitane.

"Per un paese come l'Italia recuperare il ritardo negli investimenti sui treni, mettendo in campo un programma nazionale per 1600 tra treni regionali, metropolitani e tram, è una scelta che non solo aiuterebbe i pendolari e la vivibilità nelle città ma che permetterebbe di creare lavoro e innovazione nella direzione della green economy", sottolinea Edoardo Zanchini, vicepresidente nazionale di Legambiente.

Lo studio di Legambiente è partito dall'analisi della realtà esistente, dei treni in circolazione e infrastrutturale, per individuare gli investimenti necessari ad avere un servizio di livello europeo. Sono 1.593 i treni che mancano per avere un servizio realmente competitivo, con treni che non superino i 20 anni di età, un rafforzamento nelle tratte più frequentate nelle città e un miglioramento del servizio nelle regioni meridionali. Precisamente dai calcoli servirebbero 1259 treni per il trasporto regionale, 150 per rafforzare il servizio sulle linee metropolitane, 184 tram per il trasporto urbano.

Per un investimento di questa dimensione si può stimare una spesa che varia tra i 4 e i 5 miliardi, che può ridursi in caso di un intervento di revamping, che riguardi almeno in parte il materiale rotabile, ma anche se si deciderà di passare attraverso una stazione appaltante unica.

Dallo studio di Legambiente emerge, inoltre, come il trasporto su ferro italiano sia indietro rispetto a quello europeo. In totale la lunghezza delle linee di metropolitane in Italia è pari a 227,5 chilometri, grazie in particolare all'apertura della linea M5 di Milano e della prima tratta della linea C di Roma. Nonostante i passi avanti realizzati negli ultimi anni, la rete italiana continua ad essere lontana anche da città come Berlino (147,5 km), Parigi (219,5 km), Madrid (290,3) e Londra (464,2). Per quanto riguarda le linee ferrovie suburbane, la Penisola è dotata di una rete totale di 637,6 km mentre sono 2.033,7 quelli della Germania, 1.815,4 km nel Regno Unito e 1.400,4 in Spagna. Riguardo alle linee di tram, fino a qualche decennio fa l'Italia ricopriva una posizione di vertice nelle classifiche europee oggi, invece, conta nove città dotate di almeno una linea tramviaria mentre sono 11 in Spagna, 24 in Francia e addirittura 47 in Germania.

9 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us