Ecologia

Utenze e disservizi, dai rifiuti all'energia sono le fatturazioni più criticate

Poco trasparenti e irregolari: lo rileva XIV rapporto Pit Servizi "Consumatori, servizi e utenze: l’era dello scont(r)o?”, presentato da Cittadinanzattiva

Roma, 16 dic. - (AdnKronos) - Sono le tariffe dell’energia elettrica e del gas a preoccupare di più i consumatori italiani nell’ambito dei servizi pubblici, ma non mancano fatturazioni fuori controllo e aumenti di tariffe anche nell’ambito del servizio idrico e della gestione dei rifiuti. Lo rileva XIV rapporto Pit Servizi "Consumatori, servizi e utenze: l’era dello scont(r)o?”, presentato oggi da Cittadinanzattiva.

Il rapporto prende in considerazione 9.583 segnalazioni riferite ai seguenti ambiti: energia e ambiente, telecomunicazioni e servizi postali, servizi bancari e servizi assicurativi, mobilità e trasporti, pubblica amministrazione e beni e contratti. Per quanto riguarda energia e ambiente, sono le forniture elettrica e del gas a registrare il maggior numero di segnalazioni, il 25,6% (delle quali il 76% riguarda il servizio elettrico e il 24% il servizio gas), seguono servizio idrico e servizio di gestione dei rifiuti (11%).

In entrambi i settori, la voce fatturazione (42,9%) occupa il primo posto con i cittadini che lamentano l’invio massiccio di bollette di conguaglio, l’irregolarità della fatturazione e la poca trasparenza delle stesse. Seguono le segnalazioni su mercato (17,3%) e contratti (12,8%).

Le problematiche percepite dai cittadini relative al bonus aumentano sensibilmente per la fornitura elettrica (+5,7%) e diminuiscono per il gas (-0,4%). Tuttavia si riduce il numero di cittadini che lamenta il costo dell’energia elettrica (3,6 %), mentre aumentano del 3% quelli che ritengono smodatamente elevate le tariffe del gas.

Aumentano in entrambi i casi le lamentele sulla qualità commerciale e il malcontento per la gestione dei reclami da parte delle imprese. I problemi inerenti alla misura rimangono inalterate per l’elettrico e aumentano del’1,5% per il gas. Anche per il servizio idrico, l’aspetto più problematico per i cittadini è quello della fatturazione (71% delle segnalazioni), con un aumento del 25% rispetto al 2012.

Anche nel caso dei rifiuti, i cittadini annoverano la fatturazione come l’aspetto più problematico, con un aumento del 20% rispetto al 2012. In crescita anche le segnalazioni sull’aumento delle tariffe per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, derivati anzitutto dall’adozione della Tares. Diminuiscono, invece, le segnalazioni su raccolta differenziata, raccolta irregolare, condizione dei cassonetti e isole ecologiche.

Dal punto di vista dei diritti dei consumatori utenti, il diritto più violato in tutti i servizi resta quello alla qualità (27,4%), seguito da quello alla trasparenza (17%) e all’informazione (14,2%). Aumenta la violazione del diritto al servizio (11%, +4,4%) e di quello alla sostenibilità economica (8,2%, +3,1%).

In sostanza, sempre più spesso i cittadini denunciano di non aver potuto usufruire di servizi di pubblica utilità per la carenza o la totale assenza degli stessi soprattutto nell’ambito del trasporto locale su gomma e su rotaia e nell’ambito dei servizi postali; inoltre, i cittadini lamentano di non riuscire a sostenere i costi di energia (luce e gas), dei tributi locali, delle assicurazioni, delle banche e dei servizi finanziari.

16 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us