Ecologia

Una spiaggia di rifiuti, 714 ogni 100 metri e il 76% di plastica

la seconda tipologia di rifiuti più diffusa è rappresentata da mozziconi di sigaretta

Roma, 28 giu. - (AdnKronos) - Ben 714 rifiuti ogni 100 metri di costa, il 76,3% dei quali costituito da plastica. E se sembra tanto, bisogna considerare che il 70% dei rifiuti resta sui fondali marini mentre quelli che vengono in superficie rappresentano solo il 15% del totale. Insomma, ciò che vediamo non è che la punta dell'iceberg. Sono alcuni dei dati contenuti nel rapporto Beach Litter 2016, per il quale sono state monitorate 47 spiagge italiane, raccontati oggi in occasione della presentazione del rapporto Ambiente Italia 2016 di Legambiente.

Dopo la plastica (il già citato 76,3%), la tipologia di rifiuti più diffusa è rappresentata da mozziconi di sigaretta (7,9%), carta (5,5%) e metallo (3,6%). Per quanto riguarda i mozziconi, ne sono stati trovati più di 2.600, il contenuto di 132 pacchetti, più del doppio della quantità rilevata nel 2015. Il 30% dei rifiuti rientra nella tipologia 'packaging', di questi il 26% è rappresentato da imballaggi e involucri alimentari (bottigliette, contenitori, stoviglie...) e il 71% del packaging alimentare consiste di imballaggi usa e getta in plastica.

Al secondo posto troviamo i rifiuti da mancata depurazione, quasi 5mila, e poi i diffusissimi mozziconi di sigaretta. Più di 2mila i rifiuti derivanti dalla pesca. Poi ci sono delle vere 'particolarità': a Fiumicino, sulla spiaggia Coccia di Morto, il 67% dei rifiuti è costituito da cotton fioc (e qui siamo nel campo della cattiva depurazione).

Ma quanto ci costa il 'marine litter'? Secondo uno studio Commissionato dall'Unione Europea, ben 476, 8 milioni di euro l'anno, somma del costo stimato per ripulire tutte le spiagge dell'Ue (411,75 milioni d euro) e dell'impatto sul settore pesca (61,7 milioni di euro).

Preoccupazione a lungo termine: i rifiuti in mare non intercettati hanno una loro vita specifica e sono tutti piuttosto longevi, questo significa che impiegano anche diverse centinaia di anni per decomporsi. Bisognerebbe pensarci bene prima di buttare un mozzicone di sigaretta, perché per decomporsi impiega da 1 a 5 anni; certo, meno di uno shopper di plastica, che ne impiega fino a 20 o della bottiglia di plastica che nel mare rischia di rimanerci anche 450 anni.

28 giugno 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us