Ecologia

Un deposito Ue per i rifiuti ad alta attività, Ain: "La legge non lo prevede"

La polemica secondo il presidente dell'Associazione, Umberto Minopoli è pretestuosa: “i rifiuti ad alta attività possono tranquillamente stare nel deposito superficiale per tutta il tempo di vita del deposito” (circa 300 anni, ndr)

Roma, 22 mag. - (AdnKronos) - Un deposito europeo per i rifiuti ad alta attività? “Non è previsto da nessuna legislazione europea. Al momento la legge dice solo che ogni paese è responsabile dei rifiuti radioattivi che produce”. Lo afferma all'Adnkronos, Umberto Minopoli, presidente dell'Associazione italiana nucleare, sottolineando che l'obiezione degli ambientalisti che spingono per un deposito Ue per i rifiuti ad alta attività, “è un falso problema”. La polemica secondo Minopoli è pretestuosa: “i rifiuti ad alta attività possono tranquillamente stare nel deposito superficiale per tutta il tempo di vita del deposito” (circa 300 anni, ndr). Si tratta dunque, “di un problema di lungo periodo che ci consentirà di studiare soluzioni nazionali e internazionali”. Oggi “nessun paese è in grado di affrontare questo problema”.

Il presidente dell'Ain, ribadisce che “non c'è un problema tecnico per alloggiare questi rifiuti in un deposito superficiale”. La soluzione, spiega Minopolil, “è il sito geologico ma attualmente non sono consentiti depositi sopranazionali. Inoltre, per individuare un sito geologico c'è bisogno di molto tempo” e l'Italia invece ha a disposizione 4 anni in tutto per individuare e realizzare il deposito nazionale.

“Non ci si può opporre al deposito inventando cose”. La richiesta degli ambientalisti “è un puro disturbo. Niente di tecnicamente valido. Quei rifiuti li abbiamo prodotti noi e ce li dobbiamo riprendere” afferma Minopoli. Il tema del deposito, poi, ricorda il presidente dell'Ain è strettamente collegato al processo di smantellamento delle vecchie centrali: “più si ritarda la discussione e la conseguente realizzazione del l'infrastruttura, più si allunga la permanenza dei rifiuti radioattivi nei siti temporanei sparsi per l'Italia”. Non c'è dubbio: “abbiamo bisogno di rispettare i tempi” conclude Minopoli.

22 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us