Ecologia

Troppa energia per produrre cibo, si consumano 491 Ej l'anno

Dalla produzione alla tavola, ai consumatori ritorna un decimo dell'energia utilizzata

Roma, 11 giu. - (AdnKronos) - Circa 5 miliardi di tonnellate di cibo prodotte ogni anno l'anno consumando tra produzione, trasformazione e distribuzione, circa 491 Ej di energia da fonti fossili. Senza contare che gli alimenti, dalla produzione al consumo finale, richiedono un importante uso di energia, restituendo all'uomo, attraverso l'alimentazione, un decimo di quella stessa energia. Nel caso degli ortaggi surgelati, un trentesimo.

E ad aggravare la situazione, lo spreco di cibo che è anche spreco energetico: ogni anno un abitante dei Paesi industrializzati spreca tra i 95 ed i 115 kg di alimenti. Lo rilevano i dati dell'Enea contenuti in una pubblicazione presentata oggi in occasione del workshop “Energy and Food Communities – a sustainable program” organizzato a Expo2015 da Aicarr, l'Assocazione condizionamento aria, riscaldamento e refrigerazione, nel padiglione Cascina Triulza.

"Con interventi di efficientamento energetico pensati specificamente per le Pmi agricole, si possono abbattere i consumi di energia dal 15 al 25% - spiega Livio De Santoli, presidente di Aicarr - Questo va fatto soprattutto puntando sulle comunità locali, che sono comunità del cibo così come sono comunità dell'energia".

La sfida di un approccio organico a energia e agricoltura è il tema del workshop ospitato da Cascina Triulza. "Il rapporto tra energia e agricoltura si articola in due temi al momento completamente separati – continua De Santoli - l'energia per l'agricoltura e l'energia che deriva dall'agricoltura. I temi sono spesso separati, ma dovrebbero essere affrontati in maniera organica, declinandoli in chiave territoriale”.

“Il valore della sostenibilità è alla base del nostro Padiglione - spiega il presidente della Fondazione Triulza, Sergio Silvotti - tanto che nel nostro programma culturale abbiamo anche un'area tematica dedicata alla 'produzione e stili di vita per uno sviluppo di qualità'. In particolare, il rapporto tra agricoltura e sostenibilità non è scontato. Si deve fare uno sforzo condiviso ed è importante che proprio qui si sia presentato un documento programmatico che offrirà una prospettiva per indirizzare politiche, attività e strategie future. Un importante lascito per migliorare la sostenibilità del nostro pianeta”.

11 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us