Ecologia

Trentino, Forestale: "No a imbracciare i fucili contro l'orso"

Roma, 17 lug. -(AdnKronos) - "No a imbracciare i fucili contro l'orso. Bisogna mantenere i piedi per terra e guardare all'importanza della biodiversità che vede nella presenza dell'orso sulle Alpi trentine un elemento fondamentale".

Questo il parere del Corpo Forestale dello Stato sulla richiesta avanzata al ministero dell'Ambiente dalla Regione autonoma del Trentino Alto Adige di modificare il Piano d'azione per la conservazione dell'orso bruno consentendo l'abbattimento dei plantigradi anche in caso di animali "dannosi" e non solo nei confronti di orsi che rappresentano un pericolo per l'uomo.

"Grazie a un'operazione brillantemente riuscita di ripopolazione dell'orso sulle Alpi compiuta dai trentini nel 1999 con l'introduzione di 10 orsi (7 femmine e 3 maschi) dalla Slovenia - spiega Daniele Zovi, comandante regionale del Corpo Forestale dello Stato di Veneto e Friuli - oggi abbiamo raggiunto la cosiddetta soglia critica di 50 animali. Il che significa che la presenza della specie sull'arco alpino è salva. Ma siamo al minimo della soglia critica - avverte Zovi - se dovessero raddoppiare ne riparliamo".

Mentre ora, secondo la Forestale, "si ha il dovere di cercare un equilibrio per una convivenza con questo animale prezioso potenziando tutte le forme di mitigazione possibile. Per esempio - ricorda Zovi - la Provincia di Trento per tutelare gli apicoltori che subivano le incursioni degli orsi ha fornito gratuitamente recinzioni elettriche alimentate da un sistema fotovoltaico a basso costo e il problema è stato risolto, perché l'orso presa la scossa una volta non si avvicina più".

"La stessa cosa si potrebbe fare a tutela degli allevamenti. Certo - ammette - capita che dei danni gli orsi li creino e in quei casi sono danni che vanno risarciti, ma bisogna ricordare che la presenza dell'orso porta comunque altrettanta ricchezza al territorio. Basti pensare che il parco Nazionale d'Abruzzo grazie alla presenza dell'orso si è ampliato diventato parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise perché la presenza del plantigrado attira i turisti e il territorio ne ha fortemente beneficiato".

Del resto, fino a qualche anno fa la popolazione trentina ne era ben consapevole, sottolinea il comandante dalla Forestale, "tanto è vero che l'orso è diventato il simbolo del Trentino, il logo persino del trasporto pubblico. Poi a causa di qualche danneggiamento e soprattutto dopo l'aggressione davvero anomala avvenuta da parte di un'orsa contro un uomo che stava correndo nel bosco, l'atteggiamento della popolazione è un po' cambiato. E la politica sta ora cavalcando questo malumore. Ma - afferma Zovi - è un atteggiamento sbagliato".

Del resto l'abbattimento per animali particolarmente aggressivi è già previsto dalla normativa mentre quello che viene richiesto dalla Regione è di consentire di eliminare anche plantigradi che possano dannosi.

"Bisogna invece educare la popolazione alla convivenza con l'orso - afferma Zovi - ribadendo quattro raccomandazioni fondamentali:

1) Non lasciare cibo in giro perché il cibo può attirare gli orsi; 2) Quando ci si inoltra nei boschi, camminare parlando o facendo rumore o utilizzando dei campanelli come si usa in Austria, perché l'orso che avverte la presenza dell'uomo automaticamente si allontanta; 3) In caso di incontro fortuito con l'orso, allontanarsi lentamente; 4) Nel remoto caso di aggressione da parte di un orso, assumere un atteggiamento remissivo".

17 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us