Ecologia

Temporali e tempeste d'estate: come la città cambia il clima

In agosto si sono scatenate violente tempeste anche alle nostre latitudini, e soprattutto sulle città. Non si tratta di fenomeni occasionali, e neppure di "percezioni soggettive": la tempesta...

Temporali e tempeste d'estate: come la città cambia il clima
In agosto si sono scatenate violente tempeste anche alle nostre latitudini, e soprattutto sulle città. Non si tratta di fenomeni occasionali, e neppure di "percezioni soggettive": la tempesta improvvisa e la bufera hanno di fatto preso il posto del classico temporale estivo. Alexandros Ntelekos, della Princeton University (Usa), in uno studio sul microclima degli agglomerati urbani, avanza alcune ipotesi e sottolinea il comportamento contradditorio dell'inquinante che rende sempre più irrespirabile l'aria di città, il particolato.

Agosto 2007, tempesta di fulmini a Taranto (foto © RenatoTaranto, da http://ifocus.focus.it).


La ricerca ha preso a campione una tristemente famosa tempesta che nel 2004 si abbatté su Baltimora, nel Maryland (Usa), causando seri danni. Nell'arco di sole due ore la città fu colpita da un numero di fulmini pari a quelli che normalmente la colpiscono in un anno intero. Inoltre, stando alle statistiche e ai modelli matematici,

Foto © giordal, da http://ifocus.focus.it (dettaglio).
la precipitazione sarebbe stata del 30% superiore a quella che avrebbe colpito una zona meno urbanizzata.

L'inferno si spiega così
Ma perché questa differenza? Sono per davvero i nuclei abitati a favorire queste violente precipitazioni estive? Sì, secondo i ricercatori: «È come se il temporale "sentisse" la città», afferma Ntelekos, che ha proposto tre spiegazioni al fenomeno: il calore, l'altezza degli edifici e il particolato. Le città producono molto più calore delle aree non urbanizzate: si calcola che in città ci siano, mediamente, da 1 a 3 °C in più rispetto alla campagna che la circonda. Questo surplus termico, secondo lo studio, potrebbe funzionare da carburante per i temporali, che proprio dove c'è più caldo scatenano tutta la loro violenza. Un contributo lo danno anche gli edifici più alti. I grattacieli sono infatti causa di un particolare effetto atmosferico: "trascinano" le correnti verso il basso, producendo una sorta di ebollizione dell'aria che stimola le precipitazioni.

La contraddizione del particolato
Ci sarebbe infine anche da considerare il ruolo del particolato, se non fosse che, secondo gli attuali modelli climatici, le polveri sottili emesse dai veicoli e dal riscaldamento domestico tendono a ostacolare le precipitazioni. Lo studio di Ntelekos del caso di
Tempesta su Modena, foto © luckyno, da http://ifocus.focus.it.
Baltimora, tuttavia, sembra dimostrare il contrario: in quell'occasione il particolato ha facilitato l'insorgere della tempesta. Per capire perché ciò sia avvenuto e dove stia la contraddizione con i modelli in uso i ricercatori dovranno esaminare altri casi. Come le violente precipitazioni che hanno colpito New York nel corso degli anni e fino a oggi: «Quello che ha imperversato su New York la prima settimana di agosto è un esempio del tipo di calamità naturale che ci aspettiamo in futuro», afferma Michael Oppenheimer, climatologo della Princeton. Perciò diventa di primaria importanza mettere a punto i modelli scientifici che ci permetteranno di prevederle con un margine di errore minimo.

(Notizia aggiornata al 20 agosto 2007)

20 agosto 2007
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us