Ecologia

Sullo smembramento del Parco dello Stelvio decisione rimandata a gennaio

Per Legambiente rappresenterebbe una scelta antistorica che rischia di sancire la fine dell'attributo "nazionale" per l'area protetta. La soluzione? Una Fondazione per il parco che attivi progetti di partenariato tra i comuni dei tre versanti

Roma, 12 dic. - (AdnKronos) - Rinviata a gennaio la decisione della Commissione 'dei dodici' (la commissione paritetica di governo e autonomie speciali di Trento e Bolzano) sul provvedimento che avrebbe dovuto sancire lo smembramento del Parco dello Stelvio e, conseguentemente, la fine dell'attributo 'nazionale' dell'area protetta.

Per le associazioni, non c'è nulla di cui rallegrarsi: il rinvio infatti "significa solo, per ora, il prolungamento dell'agonia per un parco che da quattro anni è in balia degli eventi, privo di un organo di governo, di un piano, di una programmazione", commenta Legambiente.

"Una situazione grave e un inaccettabile spreco di risorse - dichiara Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente - frutto di comportamenti irresponsabili di tutte le istituzioni coinvolte, dalla Regione Lombardia alle Province Autonome, fino ai governi e alle maggioranze politiche nazionali timorose di inimicarsi i voti del drappello autonomista dell'Alto Adige-Suedtirol".

"La decisione sullo smembramento è antistorica – continua Cogliati Dezza – e si pone in rotta di collisione sia con la Convenzione delle Alpi che con lo sviluppo della Strategia Macroregionale Alpina, e condanna alla marginalità le comunità che vivono all'interno e ai confini della più grande area protetta delle Alpi Centrali”.

Le province autonome di Trento e Bolzano hanno messo a disposizione, come contropartita allo smembramento, i trasferimenti economici legati al riequilibrio con i territori confinanti. “Pensiamo – continua Cogliati Dezza - ci sia un modo migliore per usare queste risorse, ad esempio per alimentare una Fondazione per il parco nazionale, che abbia come unico scopo quello di attivare progetti di partenariato territoriale tra i comuni di tutti e tre i versanti del parco".

In questo modo, si libererebbe l’Ente parco, che rimarrebbe nel solco delle norme della legge 394/91, da tutto ciò che gli ha impedito di occuparsi della conservazione della biodiversità gestendo in maniera unitaria la più grande area protetta alpina. "Solo in questo modo - conclude il presidente di Legambiente - si potrà superare il grande scoglio che ha impedito al parco di decollare negli 80 anni dalla sua istituzione, ovvero la mancanza di un progetto unitario di conservazione e sviluppo, capace di superare i confini geografici e amministrativi delle quattro province coinvolte".

12 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us