Ecologia

Su Mole Vanvitelliana e Chiesa del Gesù ad Ancona la minaccia di inquinamento e cambiamenti climatici

Lo rileva uno studio realizzato nell’ambito del progetto Life Act da Ispra e Iscr: a fare la differenza nella tutela dei monumenti sono gli interventi di manutenzione o restauro periodici.

Roma, 4 mar. - (AdnKronos) - Una "vulnerabilità" dei beni culturali di Ancona classificata come medio-alta, ma sono la Mole Vanvitelliana o Lazzaretto, il Tempio di San Rocco, la Chiesa del SS Sacramento, Porta Farina e la Chiesa del Gesù a preoccupare di più perché presentano un peggiore stato di conservazione. Ed è proprio lo stato di conservazione a giocare un ruolo di primo piano quando si tratta di difendere il futuro dei nostri monumenti dall'impatto che avranno, sulle loro superfici, cambiamenti climatici e inquinamento .

Lo rileva uno studio realizzato nell’ambito del progetto Life Act (Adapting to Climate Change in Time) che ha coinvolto tre città pilota: Ancona (con il supporto di Ispra e Iscr), Bullas in Spagna e Patrasso in Grecia. Lo studio si è basato sull’analisi della vulnerabilità (stato di conservazione) dei beni culturali e della pericolosità territoriale (potenziali impatti) stimata nello scenario attuale e in un scenario futuro, con l'obiettivo di individuare strategie di adattamento per la riduzione degli impatti.

Il rischio che corre un bene architettonico o archeologico si ottiene moltiplicando la vulnerabilità per la pericolosità territoriale. Calcolo che è stato fatto per 27 beni anconetani per i quali è stata quantificata la potenziale perdita di materiale calcareo (erosione), in funzione delle precipitazioni, dell’umidità relativa dell’aria e delle concentrazioni di inquinanti atmosferici.

Secondo lo studio, la perdita di materiale per i beni calcarei nello scenario attuale è compresa tra 6,0 e 8,2 micron l'anno, valori complessivamente inferiori al limite di erosione accettabile (8 µm/anno). Per quanto riguarda lo scenario futuro, al 2030 l’erosione ipotizzata non sembra cambiare significativamente rispetto a quella attuale, quindi il rischio che corre un monumento dipenderà dall'attuazione o meno di periodici interventi di manutenzione o restauro, allo scopo di mantenere invariato o di migliorare lo stato di conservazione delle superfici.

Gli effetti dei cambiamenti climatici sui beni di interesse storico-artistico sono stati affrontati, dalla comunità scientifica internazionale, solo in anni recenti. Nel 2007, il “Global Climate Change Impact on Built Heritage and Cultural Landscapes”, pubblicato nell'ambito del progetto europeo Noa’s Ark, ha elaborato le previsioni dei parametri climatici in Europa fino al 2100 e realizzato le “mappe di danno”, che rappresentano i potenziali impatti del clima e dell'ambiente sul patrimonio culturale.

Variazioni di temperatura, umidità, precipitazioni e inquinanti atmosferici: sono loro i principali responsabili dei processi che contribuiranno, nel futuro prossimo, a incrementare i fenomeni di deterioramento dei beni culturali all’aperto.

4 marzo 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us