Ecologia

Su Eppela, l'antifurto per bici intelligente e made in Italy

SaveMyBike prevede aree parcheggio sicure e controllo 'partecipato'

Roma, 24 set. - (AdnKronos) - Chi abita in una grande città difficilmente 'investe' sulla propria bicicletta: c'è sempre il rischio che venga rubata. Di antifurto per bici intelligenti si è già sentito parlare, ma certo non sono ancora diffusi. L'ultima proposta, ancora embrionale, viene da due ricercatori italiani del Polo logistico universitario di Livorno: Massimiliano Petri e Marco Frosolini. Il loro prototipo si chiama "SaveMyBike" ed è stato lanciato sul sito di crowdfunding Eppela per raccogliere fondi ed essere sviluppato.

L'augurio degli inventori è che meno furti di biciclette portino a un aumento della mobilità sostenibile nelle grandi città. SaveMyBike funziona tramite una app per smartphone e un sensore inamovibile da installare sul mezzo. Prevista anche la costituzione di alcune aree di parcheggio urbano sicure (almeno cinque per città) per disincentivare i parcheggi 'abusivi' e poco controllati.

Quando la bici, parcheggiata nelle zone sicure, viene allontanata da una persona diversa dal proprietario, questo e tutti gli utenti iscritti al sistema ricevono un avviso; in questo modo il controllo è "partecipato" e più collaborativo.

Fondamentale la collaborazione degli ausiliari del traffico, che - avvisati velocemente del furto tramite bluetooth - si potrebbero mobilitare in tempo per ritrovare il mezzo. Se le ricerche vanno a buon fine, il proprietario riceve un avviso con la localizzazione per andare a recuperare la bicicletta.

Con questo progetto sarebbe possibile monitorare gli spostamenti ciclabili in modo da permettere all'amministrazione di pianificare la mobilità nel migliore dei modi. Infine, previsti sconti sull'assicurazione contro il furto: perché in fondo, le precauzioni non sono mai troppe.

24 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us