Focus

Stoccare calore anche nei vestiti, in futuro sarà possibile

Dai ricercatori del Mit un nuovo materiale

sole_mare_lavinia-ky0c-1280x960web
| ADN Kronos

Roma, 8 gen. - (AdnKronos) - Immagazzinare calore nei vestiti o nel parabrezza della macchina. Secondo un gruppo di ricercatori del Mit, sarà possibile in poco tempo, grazie ad un nuovo materiale che può stoccare energia solare durante il giorno e rilasciarla successivamente come calore, ogni volta che è necessario. Questo film polimerico trasparente, infatti, potrebbe essere applicato a molte superfici diverse, come vetro finestra o addirittura indumenti. Il segreto del lavoro svolto dal professore del Mit Jeffrey Grossman e da altri ricercatori, è una molecola che può rimanere stabile in due diverse configurazioni.

 

Quando esposta alla luce, l'energia solare pone le molecole nella configurazione 'carica', dove può rimanere per lunghi periodi. Quando attivate da temperature specifiche, le molecole tornano alla forma originaria, emettendo calore. Questi materiali, noti come combustibili solari termici, sono stati già sviluppati in precedenza ma gli sforzi erano concentrati sull'utilizzo in soluzioni liquide e non in grado di produrre film allo stato solido durevoli.

 

Per rendere il film in grado di immagazzinare una quantità utile di calore i ricercatori hanno utilizzato gli 'azobenzeni', che cambiano configurazione molecolare in risposta alla luce. In particolare, i ricercatori hanno modificato la chimica del materiale migliorando alcune proprietà come la densità di energia (ossia la quantità di energia che può essere conservato per un dato peso). Attualmente il materiale ha una leggera sfumatura giallastra ma i ricercatori stanno lavorando per migliorarne la trasparenza. Inoltre, è in grado di rilasciare calore aumentando la temperatura circostante di circa 10 gradi Celsius. L'obiettivo del team è di arrivare a 20 gradi.

 

8 gennaio 2016 | ADNKronos