Ecologia

Sostenibilità: Libeskind racconta il colore, la scoperta viaggiando

tra le iniziative per il Fuorisalone 2015 con Oikos l'installazione Future Flowers

Milano, 15 apr. - (AdnKronos) - "Quando ero piccolo vivevo in Polonia, una città grigia e priva di colore. Il colore poi, l'ho scoperto più avanti, durante i miei viaggi, e ho capito di essere stato cieco per 11 anni della mia vita". Ha aperto così Daniel Libeskind la Lectio Magistralis di oggi pomeriggio, che si è tenuta nell'Aula Magna dell'Università Statale di Milano.

L'archistar statunitense ha parlato di colore, ricerca, sostenibilità, con un focus sulle sue iniziative realizzate per il Fuorisalone 2015 con Oikos: una nuova collezione di colori e l'installazione Future Flowers, allestita nel Cortile Farmacia dell'Università Statale di Milano, fino al 24 maggio. "Non si tratta di classici fiori - racconta Libeskind - li ho creati io attraverso elementi architettonici di design e attraverso il colore".

Per l'architetto il tema del colore è da sempre un elemento imprescindibile, e lo stesso è per Oikos. "Il mio colore preferito, oltre al rosso utilizzato per l'installazione con Oikos, è l'arcobaleno. Da quando collaboro con l'azienda mi sono appassionato. La mia casa di New York è nata bianca, e tra poco diventerà coloratissima", aggiunge l'Archistar.

La forza dei colori e della materia Oikos è quella di nascere da un pensiero specifico, da un momento creativo unico e di non avere limiti. È il frutto della ricerca Oikos del "Senso della Materia": un percorso di oltre trent'anni che, in sinergia con gli architetti, trasforma un prodotto industriale in una materia artigianale, elaborata su misura.

In questo modo, nessuna problematica tecnica è in grado di limitare la creatività del progettista, assicurando al contempo sostenibilità e tenuta. Risultati estetici di grande impatto combinati con caratteristiche tecniche di assoluta eccellenza.

15 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us