Ecologia

Sostanze tossiche sui vestiti, la campagna di Greenpeace 'converte' le griffe

Chiara Campione: "Le cose stanno cambiando, molti brand hanno scelto di aderire a 'Detox' mettendo on line periodiche analisi trasparenti sui loro prodotti"

Roma 16 gen. - (AdnKronos) - Valentino, Benetton, Burberry, Zara, H&M, Mango, Levi’s, G-Star, C&A, Puma, Coop, Esprit, Inditex, Limited Brands, Marks & Spencer, e adesso sei delle più importanti aziende tessili italiane (Miroglio, Berbrand, Italdenim, Besani, Tessitura Attilio Imperiali e Zip), quasi tutte fornitrici dei marchi del lusso internazionale si sono impegnate a eliminare le sostanze chimiche pericolose dalle proprie filiere.

E' il risultato della campagna Detox di Greenpeace che si batte dal 2011 per la messa al bando, nel mercato tessile, di sostanze chimiche pericolose per l'ambiente che, finendo nella catena alimentare o restando sui capi d'abbigliamento, diventano pericolose anche per la salute umana.

"La rivoluzione Detox è iniziata, le cose stanno cambiando - assicura Chiara Campione, responsabile della campagna - molti marchi importanti hanno aderito impegnandosi a mettere on line analisi periodiche e verificabili sui loro prodotti. Non solo. Dopo i nostri rapporti che denunciavano la presenza di sostanze chimiche pericolose nei tessuti di diverse case - racconta Campione - tante sono state le griffe che senza neppure darne annuncio, chiamavano i loro fornitori di tessuti chiedendo di seguire il prontuario Greenpeace perché non volevano rischiare di finire nel nostro prossimo rapporto".

Del resto il pressing fatto da Greenpeace nasce da dati scientifici dopo una serie di analisi condotte sui tessuti di abiti d'alta moda, prêt-à-porter o sportswear dove è stata rilevata la presenza di sostanze chimiche pericolose.

Tra le sostanze indicate da Greenpeace ci sono i composti perfluorurati, sostanze artificiali dalle proprietà antiaderenti e idrorepellenti usati in campo tessile, per capi impermeabili e antimacchia che possono avere effetti dannosi soprattutto a carico del fegato, della tiroide e, in qualità di interferenti endocrini, della fertilità; i nonilfenoli etossilati, usati dall’industria tessile nei processi di lavaggio e tintura che si rivelano tossici per i reni e agiscono anche come interferenti endocrini, perché si comportano come gli estrogeni.

Gli ftalati come il Dehp, usati per rendere più flessibile la plastica, nell’industria tessile si impiegano nella pelle artificiale, nella gomma, nelle stampe colorate che sono interferenti endocrini che alterano la produzione degli ormoni sessuali (testosterone ed estrogeni), diminuendo la fertilità, ma anche il metabolismo dei grassi nel fegato, con possibile predisposizione alla sindrome metabolica (diabete e obesità).

Tutte queste sostanze, spesso al bando in Europa o sottoposte a vincoli stringenti, vengono utilizzate nei distretti dell'Asia dove vengono confezionate le materie prime per molte case di moda.

"Per questo - spiega l'esperta di Greenpeace - ci si può mettere al riparo comprando prodotti che in etichetta indichino che il prodotto è stato realizzato al 100% in Italia".

Assolutamente sconsigliato poi comprare abiti sulle bancarelle: "Lì abbiamo riscontrato nelle analisi dei tassi altissimi di componenti tossiche. Certe merci non dovrebbero proprio entrare in Italia", afferma Campione che comunque suggerisce di lavare a prescindere ogni capo nuovo almeno due volte prima di indossarlo.

16 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us