Ecologia

Sono 500mila le frane attive in Italia. Verdi: 'serve un piano straordinario'

Subito 45 miliardi per la messa in sicurezza, 'per le risorse basta cancellare le grandi opere inutili'

Roma, 19 nov. - (AdnKronos) - "L’Italia non è più il Belpaese ma un Paese messo in ginocchio dal fango e dalle frane dove si continua irresponsabilmente a costruire. Il reticolo idrografico primario e secondario del nostro Paese è stato aggredito dal cemento e dall'incuria portando a ostacolare il deflusso dell’acqua. La difesa è un’emergenza nazionale che la politica non può continuare ad ignorare come ha fatto fino ad oggi". E’ l’allarme lanciato oggi da Verdi e Green Italia, in sit-in in piazza del Pantheon a Roma per chiedere al governo un piano straordinario per la messa in sicurezza del territorio su cui sono attive ben 500mila frane.

"Ognuna di esse è un’emergenza a cui va data una risposta immediata perché insistono in un territorio che è allo stremo e non regge più alle precipitazioni che sono aggravate dal mutamento climatico in atto”, dichiara il leader dei Verdi Angelo Bonelli che chiede al premier Renzi "di rottamare subito la classe politica del centrosinistra che ha devastato il territorio a livello regionale avallando la politica del cemento e dell’asfalto”.

L’emergenza dissesto è aggravata dal cemento che continua a divorare vastissime aree del territorio, ben 8 metri quadrati al secondo. In Italia vengono edificati 9,3 miliardi di metri cubi di cemento nel residenziale, in surplus rispetto al fabbisogno; le regioni negli ultimi due anni hanno autorizzato piani casa per 100 milioni di metri quadrati mentre le abitazioni vuote sono cresciute del 350% negli ultimi 10 anni: 7 milioni di appartamenti vuoti dal 2001 al 2011.

“Da decenni, che governasse la destra o la sinistra, le scelte della politica hanno sempre ignorato, al di là delle parole di circostanza spese ad ogni nuova alluvione, la necessità sempre più urgente di mettere in sicurezza il nostro territorio”, aggiunge l’esponente di Green Italia Roberto Della Seta.

Verdi e Green Italia chiedono al Governo: che sia subito attivato un Piano straordinario per la difesa del suolo; di destinare subito 45 miliardi di euro per la messa in sicurezza del territorio e per la difesa del suolo; una norma generale dello Stato che sospenda tutte le deroghe a piani paesistici, zona a rischio idrogeologico e le edificazioni in prossimità di fiumi, corsi d’acqua, laghi e coste; l’avvio del ripristino del reticolo idrografico secondario e principale; la cantierizzazione immediata delle piccole opere per la messa in sicurezza del territorio; una legge nazionale per lo stop al consumo del suolo.

Ma dove prendere le risorse necessarie in un momento di difficoltà economica così marcata? Cancellando le grandi opere inutili e spesso dannose che sono già state finanziate.

Secondo Verdi e Green Italia, all’Italia non servono l'Autostrada Orte Mestre (10 miliardi), la Tav Torino Lione (20 miliardi), Gronda Autostradale Genova (3,2 miliardi), l'Autostrada Livorno Civitavecchia, (2 miliardi), l'Autostrada Roma-Pontina (2,7 mld); Autostrada regionale cispadana (1,2 mld) Terzo valico, (3,1 mld); il nuovo tunnel Brennero (1,6 mld). In questo, fanno sapere, modo sarà possibile recuperare 43,8 miliardi di euro.

“Il dissesto idrogeologico è un’emergenza che ormai è diventata disastro quotidiano - conclude Bonelli - Gli allagamenti di Genova, Alessandria, Carrara, Milano, Roma solo per citare quelle recentissime sono la dimostrazione che non c’è più tempo perché asfalto e cemento hanno impermeabilizzato vaste aree del nostro territorio: chiediamo che il Consiglio dei ministri e il parlamento si riuniscano d'urgenza per approvare un piano straordinario ed urgente per la difesa del suolo, prima che ci siano altri disastri da commentare e altri morti da piangere”.

19 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us