Ecologia

Sono 1.365 i Comuni 'idroelettrici'. La prima centrale a Tivoli nel 1886

Grazie a questa tecnologia nel 2013 sono stati prodotti oltre 52mila Gwh di energia elettrica pari al fabbisogno di oltre 19,4 milioni di famiglie. Lo rileva 'Comuni rinnovabili 2014' di Legambiente

Roma, 28 ott. - (AdnKronos) - Sono 1.365 i comuni che possiedono sul proprio territorio almeno un impianto idroelettrico, tra grandi e piccoli, per una potenza complessiva di 21.489 Mw. Grazie a questa tecnologia nel 2013 sono stati prodotti oltre 52mila Gwh di energia elettrica pari al fabbisogno di oltre 19,4 milioni di famiglie. A tracciare il quadro è il rapporto 'Comuni rinnovabili 2014' di Legambiente che fa una distinzione tra i piccoli e i grandi impianti.

In particolare, emerge che i Comuni del mini idroelettrico sono 1.123. Il rapporto prende in considerazione gli impianti fino a 3 Mw. La potenza totale installata nei Comuni italiani è di 1.323 Mw ed è in grado di produrre ogni anno oltre 5,2 TWh, pari al fabbisogno di energia elettrica di oltre 1,8 milioni di famiglie. In sette anni si è passati da 17,5 Mw censiti nel 2006 ai 1.323 del 2013.

I primi tre comuni del mini idroelettrico, per potenza installata, si trovano tutti in provincia di Bolzano. Si tratta del comune di Sarentini con 22.007 Kw, seguito dal comune di Marebbe con 22.002 Kw distribuiti su 13 piccoli impianti e dal comune di Tures con 20.143 Mw e 28 impianti. Sono 543 i comuni che già oggi grazie a questa tecnologia producono più energia elettrica di quella necessaria a soddisfare il fabbisogno delle famiglie residenti.

Quanto al grande idroelettrico gli impianti presenti sul nostro territorio rappresentano un'importante voce della produzione energetica nazionale, capace di soddisfare oltre il 70% dei consumi del solo settore domestico. La prima centrale risale al 1886 installata nel comune di Tivoli. Attualmente sono 392 i comuni censiti dal rapporto che ospitano grandi impianti idroelettrici (con potenza superiore ai 3Mw) per una potenza complessiva di 20.166 Mw.

28 ottobre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us