Ecologia

I super ricchi producono molte più emissioni rispetto agli altri cittadini

Da uno studio emerge che le emissioni annue connesse agli investimenti degli individui più ricchi al mondo sono un milione di volte maggiori rispetto a quelle dei cittadini medi.

In questi giorni a Sharm-El-Sheik, in Egitto, si decide il futuro del nostro Pianeta: alla COP27 i rappresentanti di 197 Paesi di tutto il mondo dovranno trovare un accordo per cercare di limitare l'aumento della temperatura globale a +1,5 °C (ormai un'utopia) o almeno tenerlo al di sotto dei +2 °C. Per farlo, è fondamentale ridurre le emissioni di gas serra. Abbiamo già visto che una grande fetta di responsabilità è di poche aziende che hanno in mano la quasi totalità delle riserve di combustibili fossili del mondo: ora uno studio finanziato da Oxfam (un'organizzazione non governativa che si impegna per migliorare le condizioni dei poveri nel mondo) pubblicato proprio il giorno dell'inaugurazione della Ventisettesima Conferenza delle Parti (COP27), punta il dito contro i miliardari, rei di emettere (investendo in aziende altamente inquinanti) un milione di volte in più di CO2 del cittadino medio.

Emissioni CO2 per Paese
Le emissioni annue di CO2 di alcuni Paesi del mondo: in testa Cina e USA con rispettivamente 10,67 e 4,71 miliardi di tonnellate; l’Italia è a quota 303 milioni di tonnellate. © OurWorldinData

Superinquinatori. Lo studio ha analizzato gli investimenti dei 125 miliardari più ricchi al mondo (i dati sono della lista Bloomberg, aggiornati ad agosto 2022) considerando solo le aziende nelle quali avevano una partecipazione superiore al 10% e assegnando poi a ciascun individuo una parte proporzionale delle emissioni inquinanti prodotte dall'azienda. Dai dati è emerso che ogni miliardario incluso nella ricerca emette annualmente in media tre milioni di CO2 solo in relazione ai propri investimenti, una quantità più di un milione di volte superiore alle 2,76 tonnellate pro capite emesse dal 90% della popolazione mondiale. In totale, i 125 miliardari alimentano con i loro investimenti l'emissione di quasi 400 milioni di tonnellate di CO2, una quantità pari a quella dell'intera Francia, un Paese di 67 milioni di abitanti.

Stime al ribasso. Le stime sono molto probabilmente al ribasso, poiché i miliardari e le aziende che non rendono pubblici i dati sulle loro emissioni (e non sono quindi stati inclusi nello studio) sono quelli che hanno un impatto climatico maggiore. Dall'analisi è emerso comunque che il 14% degli investimenti dei miliardari era in settori inquinanti, e solo un riccone su 125 aveva investito in un'azienda di energia rinnovabile.

Jet privato
Ultimamente in molti denunciano il peso ecologico dei viaggi privati dei super ricchi: @jetdeiricchi, una pagina Instagram italiana, stima le emissioni inquinanti dei voli privati delle persone più ricche del nostro Paese. © Yaroslav Astakhov | Shutterstock

Iniziare a parlarne. La richiesta di Oxfam è chiara: bisogna iniziare a pesare la responsabilità dei super ricchi nella crisi climatica, tassando gli investimenti inquinanti. «La COP27 deve mettere in luce questo aspetto negativo delle grandi aziende e dei loro ricchi investitori, che traggono profitto dall'inquinamento», sottolinea Nafkote Dabi di Oxfam. Scelte diverse portano a esiti diversi: investendo in aziende con standard sociali e ambientali più elevati, le emissioni potrebbero diminuire fino a quattro volte rispetto ad ora.

10 novembre 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us