Ecologia

Smog killer

Dicembre 1952: una nube fitta e densa uccide migliaia di persone. Lo smog cittadino da allora è cambiato. Ma i risultati no.

Smog killer
Dicembre 1952: una nube fitta e densa uccide migliaia di persone. Lo smog cittadino da allora è cambiato. Ma i risultati no.

Londra, 1953. A un anno di distanza dal grave episodio di inquinamento è ancora forte la paura: una signora, per precauzione, indossa un panno davanti alla bocca.
Londra, 1953. A un anno di distanza dal grave episodio di inquinamento è ancora forte la paura: una signora, per precauzione, indossa un panno davanti alla bocca.

Cinquant'anni fa, nella prima settimana di dicembre del 1952, una nebbia densa e maleodorante invade Londra. È talmente fitta che sembra sera anche in pieno giorno. Apparentemente niente di strano: è un periodo di freddo intenso, ed è normale, per la capitale inglese, essere avvolta nella foschia. Nell'aria però si sono accumulate enormi quantità di polveri, biossido di zolfo, anidride carbonica, acido cloridrico, composti fluorati. Nelle settimane successive oltre 4.000 persone muoiono. E i decessi per bronchite, asma, polmonite aumentano di sette volte rispetto alla media.
Si è trattato di uno dei più gravi episodi di inquinamento dell'aria. La gente, per tenersi calda in una stagione gelata, aveva bruciato enormi quantità di carbone. Ma un fenomeno di inversione termica aveva intrappolato i veleni, e condensato lo smog che li trasportava.
Cambiano i nemici. Difficile che si ripeta una situazione simile, dicono gli esperti: sono cambiati i carburanti utilizzati per il riscaldamento, sono entrate in vigore in tutta Europa leggi che regolamentano le emissioni. Le città però sono ancora a rischio, a causa di altri tipi di sostanze inquinanti. Si tratta in particolare di quelli emessi dalle automobili: monossido di carbonio, biossido di azoto, ozono, aldeidi aromatiche. Particolarmente pericolose vengono considerate le polveri fini emesse dai motori diesel. Le stime parlano chiaro: nelle città italiane, i decessi potrebbero raggiungere la cifra di 4.000 ogni anno.

(Notizia aggiornata all'11 dicembre 2002)

10 dicembre 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us