Ecologia

Si può fare sport senza inquinare?

Con il gelo di questi giorni anche gli irriducibili della corsa si rintanano in palestra. Ma quanta energia consumano i templi del fitness?

Soprattutto in inverno, quando il gelo fa desistere dalla corsa anche i runner più convinti, si ricorre alla palestra per tenersi in forma. Ma qual è l'impatto che i templi del fitness hanno sull'ambiente? E cosa possiamo fare per ridurlo?

Chi consuma di più?
Le principali responsabili del consumo energetico in sala attrezzi non sono le macchine per i pettorali e neppure quelle per i glutei, ma cyclette e tapis roulant. Soprattutto i tappeti, geniali invenzioni che ci consentono di correre per chilometri senza muoverci di un metro.
Secondo gli esperti, durante un allenamento, un tapis roulant utilizza in media 600-700 watt di energia: l'equivalente di 50 lampadine fluorescenti compatte lasciate accese per tutta la durata della corsa. Allenandosi con questa macchina per due ore e mezza alla settimana, si arriva ad emettere in un anno quasi 50 chili di anidride carbonica, l'1% delle emissioni annuali di CO2 di un'automobile. (Quante calorie consumi tu su un tapis roulant? Scopri quante calorie bruci quando fai sport)

Green Sport

Si può sciare senza danneggiare l'ambiente e il paesaggio montano? Scoprilo qui. E segui anche gli altri consigli di Focus Green Life, la rubrica per chi ha a cuore il pianeta.

Se scendete dal tappeto per salire su una cyclette, consumerete tipicamente 6-7 volte meno elettricità. Questi macchinari, nelle forme più moderne, sono autosufficienti dal punto di vista energetico: l'energia del ciclista è utilizzata per alimentare la resistenza dei freni e il display elettronico (i LED del quale funzionano con 5-10 watt di energia). I biker più tosti potrebbero alimentare con le loro pedalate persino una tv LCD da 15 pollici, di quelle utilizzate per distrarsi tra una sudata e un'alzata di pesi. Non molte palestre, tuttavia, offrono questi attrezzi, dal momento che non tutti gli utenti sono così allenati.

Ma c'è un altro elemento che da solo, consuma più di tutti i macchinari messi insieme: l'impianto di condizionamento. Allenarsi in un'atmosfera tropicale quando fuori il termometro segna -15 °C o respirare una brezza artica in pieno agosto non ci farà diventare più tonici. Chiedete agli addetti di abbassare di qualche grado il riscaldamento: con una felpa e in piena corsa, non sentirete la differenza. E se proprio volete fare sport a impatto zero (senza rischiare di rimanere ibernati), organizzate una sessione di allenamenti nel salotto di casa: per fare addominali e corsa sul posto non occorrono particolari macchinari. Basta la voglia!

20 febbraio 2012 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us