Ecologia

Si può essere sciatori "verdi"?

Anche lo sport invernale più amato rischia di rivelarsi poco sostenibile. Qualche consiglio per trasformarsi in eco-sciatori.

Le montagne immacolate, l'aria frizzante di montagna, il cielo limpido… nessuno sport invernale parrebbe più in contatto con la natura dello sci. Eppure, l'impatto di questa attività sull'ecosistema è considerevole.

Prendiamo innanzitutto le piste da sci. La maggior parte è stata livellata su terreni precedentemente alberati. Per permettere di ottenere discese ampie, parte della vegetazione è stata abbattuta. Anche l'erezione di piloni e impianti di risalita ha un notevole costo ambientale in termini di piante divelte.

Come conseguenza del riscaldamento globale, l'uso di cannoni spara neve è significativamente aumentato. Mountain Wilderness, un'organizzazione internazionale impegnata nella tutela delle montagne mondiali dalla degradazione, stima che per coprire di neve artificiale un ettaro di pista per una stagione sciistica occorrano 4 mila metri cubi d'acqua: un ettaro di grano ne richiede 1700. La neve sparata sulle Alpi consumerebbe la stessa quantità d'acqua utilizzata in un anno da 1 milione e mezzo di persone. Acqua che in alcuni casi, proviene dal rubinetto, in altri è pompata dai fiumi che scorrono a valle, il cui ecosistema viene in questo modo altamente disturbato. Gli additivi utilizzati per non far sciogliere la neve sparata penetrano nel suolo, senza contare che questo manto artificiale permette di prolungare la stagione sciistica ritardando la fioritura delle piante che normalmente sbocciano al disgelo.

La spazzatura lasciata tra le nevi e in generale la presenza dell'uomo in ambienti un tempo incontaminati disturba la fauna, e l'avanzare del riscaldamento globale lascia pensare che gli impianti saranno spostati sempre più in alta quota, dove le temperature ancora tengono, provocando un impatto ambientale negativo anche sulle vette finora più deserte.

Le meravigliose geometrie dei fiocchi di neve (guarda)

Passa al verde!

Segui i consigli di Focus Green Life, la rubrica per chi ha a cuore il pianeta.

Cosa possiamo fare, concretamente, per limitare la nostra impronta ecologica senza rinunciare a uno degli sport più amati e divertenti? Ecco 5 consigli dedicati a chi già pregusta la partenza per la settimana bianca:

- Raggiungete la località sciistica in treno, se possibile. È conveniente e riduce le emissioni di CO2 (che a loro volta provocano la riduzione dei ghiacciai, quindi, è nel nostro interesse!)

- Se pranzate sulla neve, portate con voi a valle i resti del pic-nic, e se trovate spazzatura tra le piste, raccoglietela e portatela al cestino più vicino.

- Rispettate la fauna e la vegetazione: fate attenzione a non danneggiare rami e germogli mentre sciate. Se un'area è delimitata per proteggere piante e animali c'è un motivo, violarla non vi renderà sciatori migliori.

- Evitate i fuoripista. Sono pericolosi per chi li affronta e, complici temperature sempre meno rigide, rischiano di favorire l'insorgenza di valanghe.

- Considerate la possibilità di praticare lo sci di fondo. Non prevede risalite con impianti, è uno sport intenso, stimolante e una vera full immersion nella natura.
6 febbraio 2012 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us