Ecologia

Shopper bio, "fuori legge" 20 sacchetti su 37 nei grandi supermercati

Monitoraggio di Legambiente per valutare il rispetto della legge, ormai in vigore da anni, che mette al bando i sacchetti di plastica. In Campania e Basilicata il record del finto biodegradabile

Sono "fuori legge" più della metà dei sacchetti per la spesa. È questo il risultato della campagna di monitoraggio di Legambiente, effettuata tra fine novembre 2014 e le feste di Natale, per valutare il rispetto della legge, ormai in vigore da anni, che mette al bando i sacchetti non compostabili.

Nel dettaglio, su 37 sacchetti per la spesa prelevati presso diversi punti vendita della Grande distribuzione organizzata in sette regioni, ben 20, pari al 54% del totale, sono risultati non conformi alla legge.

Gli shopper irregolari sono stati prelevati in cinque regioni: Campania (7 sacchetti), Basilicata (6), Puglia (3), Calabria (3) e Lazio (1). Quelli prelevati in Lombardia e Veneto sono, invece, risultate regolari.

A livello provinciale la situazione è la seguente: Potenza (6 sacchetti non conformi), Avellino, Bari e Napoli (3), Vibo Valentia (2), Benevento, Catanzaro e Roma (1).

Fuori legge. «Siamo di fronte a un diffusa situazione di illegalità nel settore delle buste per l’asporto delle merci, e questo è evidente nonostante abbiamo evitato di fare verifiche sui tanti piccoli negozi commerciali e sui mercati rionali, dove la situazione è visibilmente ancor più grave, anche a causa di una azione capillare da parte di alcuni distributori che vendono, anche online, sacchetti palesemente fuori legge», ha dichiarato il vicepresidente di Legambiente Stefano Ciafani.

«La ricerca di Legambiente conferma che in questo Paese continua ad esserci la cattiva abitudine di ignorare le leggi - commenta Francesco Ferrante, vicepresidente di Kyoto Club -. Sta alle forze dell'ordine e alla magistratura adesso farla rispettare. Grazie al talento italiano che ha fatto delle nostre imprese le leader mondiali del settore nella chimica verde e, per una volta, grazie alla lungimiranza del legislatore, abbiamo di fronte a noi una straordinaria occasione di innovazione e difesa dell'ambiente. Non lasciamocela scappar di mano per ignavia».

I sacchetti giusti. Ma quali caratteristiche deve avere un sacchetto conforme alla legge? Legambiente fa il punto: i sacchetti monouso biodegradabili e compostabili conformi alla legge, che possono essere tranquillamente utilizzati anche per la raccolta differenziata della frazione organica dei rifiuti, devono:

  • avere la scritta 'biodegradabile e compostabile';
  • avere la citazione dello standard europeo 'UNI EN 13432:2002';
  • riportare il marchio di un ente certificatore che tutela il consumatore come soggetto terzo (Cic, Vincotte e Din Certco sono i più diffusi).
  • Tutti i sacchetti che non riportano queste specifiche danno un’informazione sbagliata e non sono conformi alla legge, spiega l'associazione.

    Italia all'avanguardia. La messa la bando della commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e non compostabili venne approvata nel dicembre del 2006 ed è entrata in vigore nel 2010. La proposta di direttiva europea definita nella primavera del 2014, alla fine della scorsa legislatura europea, ha fatto proprio l’impianto della normativa italiana.

    Per chi commercializza sacchetti non conformi o false "buste-bio", dal 21 agosto del 2014, le sanzioni amministrative pecuniarie vanno dai 2.500 euro ai 25.000 euro. Cifra che può essere aumentata fino al quadruplo del massimo (quindi 100.000 euro), se la violazione del divieto riguarda quantità ingenti di sacchi per l’asporto oppure un valore della merce superiore al 20% del fatturato del trasgressore (art. 4, legge 28/2012).

    Ti potrebbero interessare

    15 gennaio 2015 ADNKronos
    Ora in Edicola
    Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

    Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

    ABBONATI A 29,90€

    Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

    ABBONATI A 31,90€
    Follow us