Ecologia

Sessant'anni fa l'alluvione 'dimenticata' in Costiera Amalfitana e Salerno

E' stata la più grande tragedia italiana per vittime dovute al dissesto idrogeologico dopo il Vajont, e ancora oggi ci sono zone rosse a rischio molto elevato

Roma, 21 ott. - (AdnKronos) - La più grande tragedia italiana per vittime dovute al dissesto idrogeologico dopo il Vajont: costò la vita a 318 persone, fece 250 feriti e in più di 5.000 rimasero senza casa. Eppure, è una "alluvione dimenticata", quella che il 25 ottobre del 1954 colpì duramente la Costiera Amalfitana e Salerno. A 60 anni da quel tragico evento, il presidente dell’Ordine dei Geologi della Campania Francesco Peduto, sottolinea come "ancora oggi forse questa tragedia viene considerata di serie C ed invece cambiò la vita di molti paesi".

Il 25 ottobre del 1954 l’alluvione colpì Vietri sul Mare, Cava dei Tirreni, Salerno, Maiori , Minori, Tramonti. Le devastazioni furono immense con frane, voragini, ponti crollati, strade e ferrovie distrutte in più punti. La zona più colpita fu quella della costiera amalfitana, fino alla città di Salerno. Una frana spazzò via il villaggio di Molina. A Maiori c’è oggi una lapide che ricorda le 37 vittime del posto.

E a 60 anni di distanza, denuncia Peduto, ancora oggi “in tante aree permangono elementi di rischio, tant'è che sulle mappe dell’autorità di bacino competente, sono riportate come zone rosse a rischio R4 molto elevato”.

I geologi non vogliono dimenticare e lo faranno il 24 ottobre con la convention "Salerno 1954 : l’alluvione dimenticata tra memoria, scienza e stato della prevenzione" e il 25 ottobre mattina, con i sopravvissuti, ritorneranno sui luoghi colpiti dall’alluvione 60 anni fa. A Vietri sul Mare una straordinaria mostra ricorderà quei momenti e chi purtroppo perse la vita.

“A distanza di 60 anni ci soffermeremo sul rischio idrogeologico, sulla sua prevenzione e soprattutto sulle cose che non vanno – continua Francesco Peduto - su ciò che è stato fatto e su quanto resta ancora da fare; a tal fine sono stati invitati i principali "attori" istituzionali, politici, scienziati e funzionari pubblici, impegnati ai diversi livelli nello studio e nell'implementazione delle possibili soluzioni finalizzate alla mitigazione del rischio idrogeologico”.

21 ottobre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us